Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 21:40 METEO:FIRENZE11°15°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
venerdì 09 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Il figlio di Perisic consola Neymar in lacrime, la stretta di mano poi il commovente abbraccio

Monitor Consiglio mercoledì 05 ottobre 2022 ore 15:44 Spazio a cura dei gruppi politici del Consiglio regionale della Toscana

"Prodotte leggi potenzialmente incostituzionali"

Elena Meini
Elena Meini

“Un Consiglio regionale che ha prodotto Leggi potenzialmente incostituzionali dannose per i territori, le comunità e gli investitori. Vedi il Piano di transizione ecologica”



FIRENZE — “In due giorni - afferma Elena Meini, Consigliere regionale della Lega - l’Aula ha approvato due Leggi con le quali annichilisce le prerogative degli Enti locali e la partecipazione dei cittadini. Infatti, con una Legge sui patti o intese, il PD ha approvato una norma con la quale attribuisce sostanzialmente al Presidente della Regione il potere di scegliere chi vuole; al contempo, con la nuova normativa per la transizione ecologica, si chiarisce la strategia della Giunta, che in pratica trasforma i piani settoriali sui rifiuti, sulla qualità dell’acqua e dell’aria, in meri atti di principio, annullando la propria valenza territoriale. In questo modo, la partecipazione dei cittadini è ridimensionata sulla base della sensibilità e discrezionalità della Giunta; le amministrazioni comunali non avranno, dunque, modo di condividere un percorso finalizzato alla localizzazione impiantistica, ed infine, il Consiglio regionale viene rilegato a mero organo di ratifica di scelte fatte dall’Esecutivo.”

“La Lega - prosegue il Consigliere - non condividendo la proposta di Legge, così come elaborata dalla giunta Giani e dal Pd, ha cercato di limitare i danni presentando un emendamento, consapevole che, per una questione meramente tecnica, si potrebbe verificare il caso di perdere il grande lavoro fatto sull’individuazione delle aree idonee per gli impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili. Ci sta a cuore questo aspetto, perché l’obiettivo di tale strumento non è volto a rallentare il procedimento di autorizzazione unica, bensì ad offrire ai potenziali produttori un quadro di riferimento certo e chiaro per orientare le scelte localizzative degli impianti di produzione e specificano che l’individuazione delle aree e dei siti non idonei non deve dunque configurarsi come divieto preliminare, ma come atto di accelerazione e semplificazione dell’iter di autorizzazione alla costruzione e all’esercizio dei suddetti impianti, anche in termini di opportunità localizzative offerte dalle specifiche caratteristiche e vocazioni del territorio.”

“La domanda - conclude l’esponente leghista - quindi rimane aperta: se la Toscana si dota del nuovo piano di transizione ecologica che supera il PAER(ovvero il Piano ambientale ed energetico) senza che a livello nazionale siano stati definiti i criteri per la definizione delle aree idonee a cui dovrebbe conseguire il recepimento di tali criteri localizzativi da parte della Toscana, come s’intende tutelare gli investitori affinché abbiano un procedimento amministrativo certo e più snello?"


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno