Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 14°17° 
Domani 12°17° 
Un anno fa? Clicca qui
sabato 19 ottobre 2019

Cronaca venerdì 10 novembre 2017 ore 07:42

Madre e figlia uccise dal monossido, le condanne

E’ arrivato a conclusione il processo per la morte delle due musiciste uccise dalle esalazioni di una caldaia in un appartamento del centro di Firenze



FIRENZE — Il tribunale ha condannato due persone per la morte di Ruth Pardo e della figlia Lara D’Angelo, uccise nel sonno la notte del 15 febbraio 2013 per le esalazioni di monossido di carbonio emesse da una caldaia difettosa in un appartamento preso in affitto in via dei Pilastri.

Dovrà scontare tre anni di carcere il manutentore della ditta che gestiva la caldaia, Renzo Mangani, mentre il titolare è stato assolto. Due anni di carcere invece per il proprietario dell’appartamento, Andrea Soldi, e assoluzione per l’amministratore del suo patrimonio immobiliare.

Ruth Pardo aveva 69 anni, la figlia Lara 35.



Tag

Meloni a Roma: «Cinquestelle stretti in auto blu come sardine in salamoia»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità