Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:10 METEO:FIRENZE23°37°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
mercoledì 24 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La campionessa inglese di equitazione filmata mentre frusta il cavallo. Bandita dalle Olimpiadi
La campionessa inglese di equitazione filmata mentre frusta il cavallo. Bandita dalle Olimpiadi

Attualità venerdì 09 giugno 2023 ore 07:30

Olio extravergine, ecco le eccellenze toscane

Sono 52 le etichette selezionate dalla Regione Toscana che ha premiato le eccellenze del territorio che conta 37mila aziende su 91mila ettari di olivi



FIRENZE — Sono oltre 91mila gli ettari coltivati ad olivo in Toscana e coinvolgono quasi 37mila aziende. Di grande importanza il ruolo delle IG toscane che contano 4 DOP Chianti Classico, Lucca, Seggiano, Terre di Siena, 1 IGP Toscano e che nel 2021 secondo Ismea/Qualivita hanno realizzato un fatturato alla produzione di 29,3 milioni, in grado di generare un export pari a 42 milioni di euro, per il 75% realizzato fuori dall’Unione Europea. Questi i numeri dell’economia dell’olio extravergine d’oliva prodotto in Toscana, presentati in occasione della Selezione Oli Extravergine 2023 che ogni anno premia le eccellenze toscane.

L’evento, ospitato dal Cinema La Compagnia a Firenze, è stato introdotto da una tavola rotonda con Stefania Saccardi, vicepresidente della Regione Toscana e assessora all’Agroalimentare, Giuseppe Salvini, segretario generale della Camera di Commercio di Firenze, Massimo Manetti, presidente di PromoFirenze, Francesco Palumbo, direttore di Fondazione Sistema Toscana, Tiziana Sarnari, analista di mercato Direzione Servizi per lo Sviluppo Rurale – ISMEA e Laura Mazzanti, responsabile Laboratorio Analitycal SRL. Guest star un produttore d’eccezione: Marco Columbro, attore e agricoltore bio. A condurre la manifestazione Simona Bellocci, giornalista di Intoscana.it.

Cinquantadue le etichette selezionate, di cui una proveniente dalla provincia di Pisa, due da quella di Arezzo, tre da Livorno, altrettante da Lucca, quattro da Pistoia, cinque da Grosseto e le altre distribuite tra Firenze e Siena. Tra i riconoscimenti anche alcune menzioni speciali per la migliore “Selezione Origine”, “Selezione Bio”, “Selezione Monovarietale”, “Selezione Biofenoli”, e l’ultimo riconoscimento nato, la “Selezione Packaging”, oltre all’ambito titolo di “Migliore olio” per ciascuna DOP e IGP (vedi scheda).

Secondo i dati raccolti da ISMEA*, la produzione IG della Toscana è dominata su fronte quantitativo dalla IGP Toscano che negli ultimi anni rappresenta circa il 95% dell’intera produzione certificata della regione. Segue a molta distanza il Chianti Classico con una quota del 4% e via via le altre 3 DOP. La produzione in valore della Toscana nel 2021 ha superato i 29 milioni di euro con una quota pari al 32% dei 91 milioni nazionali. Anche in valore c’è una fortissima polarizzazione verso l’IGP Toscano (27,8 milioni di euro). Il Chianti classico segue con il 7% e un valore di 1,2 milioni di euro. Le altre DOP restano al di sotto di un milione di euro. La maggior quota della Toscana in termini di valore rispetto ai volumi è da ricercare nell’apprezzamento del mercato. I prezzi degli oli toscani sono, infatti, superiori alla media delle altre produzioni. Secondo dati provvisori, nel 2022 le etichette certificate in Toscana sono scese a 2mila tonnellate.

La produzione di olio di oliva è concentrata nel bacino del Mediterraneo, in Spagna e Italia, che rappresentano la quasi totalità delle esportazioni mondiali (60% la Spagna e 20% l’Italia). La produzione italiana copre mediamente il 15% di quella mondiale a fronte del 45% in media della Spagna. Anche sul fronte dell’import, il mercato è condizionato da pochi grandi clienti, primo tra tutti l’Italia stessa, con un terzo del totale, seguita dagli Stati Uniti. Nella campagna in corso, se i dati venissero confermati, l’Italia potrebbe scalare al quarto posto nella graduatoria dei Paesi produttori. Nel 2022, infatti, la produzione è calata in Italia, ma in Toscana invece è in recupero. La flessione si registra in quasi tutti i principali Paesi produttori, comunitari e non, tranne che in Grecia e Turchia che superano l’Italia e si posizionano al secondo e terzo posto nel ranking mondiale. Per il 2022 si stimano 241 mila tonnellate (-27% rispetto alla campagna precedente): una riduzione legata alle complicazioni climatiche e alla naturale alternanza. La bilancia commerciale è strutturalmente in negativo: l’import supera sempre l’export sia in volume che in valore (salvo rare eccezioni quali il 2020).

 La Toscana ha una quota di prodotto IG sulla produzione totale che oscilla tra il 13% e il 28%. Quota decisamente più elevata rispetto alla media nazionale che si attesta tra il 2% e il 7%. I modesti volumi certificati possono derivare dall’elevata frammentazione produttiva delle aziende, associata ad un elevato costo di certificazione del prodotto per piccole produzioni. A questo si aggiunge la mancanza di organizzazione dell’offerta e una limitata commercializzazione tramite la GDO. In questo ambito il caso IGP Toscano fa scuola nel Paese: sull’onda di questo successo, altre regioni d’Italia stanno seguendo la strada di certificazioni di ambito regionale.

Il catalogo online dell'edizione 2023

Sono intervenuti la vicepresidente ed assessore all'agro-alimentare della Regione Toscana, Stefania Saccardi, del segretario generale della Camera di Commercio di Firenze, Giuseppe Salvini e del Direttore della Fondazione Sistema Toscana, Francesco Palumbo.

"L’olio toscano - ha detto la vicepresidente e assessora all'agroalimentare Saccardi - ha tutti i titoli per affermarsi in termini di qualità sui più grandi e importanti mercati internazionali. Abbiamo una qualità e una quantità straordinaria di tipologie autoctone, ben 80 varietà di olivo autoctone, abbiamo un sistema della filiera valorizzata da un alto tasso di innovazione nei frantoi di grande livello. Questo incide moltissimo sulla qualità dei nostri oli e la manifestazione di oggi è una modalità eccellente per valorizzarli. Nel panorama nazionale delle Denominazioni di Origine Protette (DOP) e delle Indicazioni Geografiche Protette (IGP) degli oli extravergini di oliva, la Toscana emerge per i quantitativi di oli certificati, che rappresentano una quota rilevante del totale nazionale: abbiamo cinque DOP e IGP degli oli extravergini di oliva. Inoltre, la Regione ha fatto un bando sull’innovazione con oltre 10 milioni di euro che ha avuto un successo strepitoso, per l’ammodernamento dei frantoi è previsto un altro bando con una dotazione di 8 milioni di euro, perché fare olio buono non vuole dire solo avere olive di qualità ma riuscire anche a seguire una procedura e un percorso di frangitura particolare. Non ultimo, siamo concentrati sull’uso razionale e sostenibile dell’acqua, che vuol dire attenzione all’ambiente e al territorio, due obiettivi perfettamente interpretati dall’alto numero di oli biologici che produciamo. Concludo dicendo che siamo stati la prima Regione a fare la legge sull’oleotursimo: tutto questo per ribadire che la Toscana punta su questo prodotto straordinario e credo che l’olio toscano abbia davanti una prospettiva molto importante”.

Salvini "La selezione degli oli extravergini di oliva, é un progetto che orgogliosamente portiamo avanti ormai da sette anni con Regione Toscana. L'iniziativa é un formidabile strumento per raccontare ai consumatori italiani e stranieri un prodotto del nostro territorio di altissima qualità, che rappresenta il 30% della produzione nazionale DOP e IGP. Il progetto é anche l'occasione di giusta visibilità per le aziende olearie toscane che, con grande tenacia, investono in ricerca e innovazione per offrire ogni anno un prodotto migliore"

Palumbo ha concluso "La disponibilità a pagare il giusto prezzo per un olio di qualità superiore, come quello DOP e IGP toscano, dipende anche dagli aspetti di comunicazione e dalla promozione che si fa di un prodotto. Per questo, come Fondazione Sistema Toscana, lavoriamo per aumentare il livello di informazione, attraverso iniziative come “Storie di modelli contadini” e “Toscana ovunque bella” che vogliono trasmettere il valore dell’olivicoltura per la Toscana e, al tempo stesso, attrarre i giovani verso un’agricoltura di qualità in modo che non si disperda il grande know-how e la tradizione che abbiamo nel nostro territorio. Lavoriamo poi per gli aspetti di promozione attraverso la campagna 'Toscana Rinascimento senza fine' e tramite il portale Visittuscany.com per spingere il turismo dell’olio, offrendo ai produttori la possibilità di promuovere i loro servizi al turista in sei lingue diverse".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno