Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:09 METEO:FIRENZE13°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 27 febbraio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Mattarella rende omaggio alla Marina sulla nave fregata Bergamini a Cipro

Attualità sabato 23 settembre 2023 ore 10:00

Manifatturiero toscano, altri fronti di crisi

Il comparto soffre il freno al commercio con la Russia come anche la situazione difficile in Cina. La battuta d'arresto arriva dal sud est asiatico



FIRENZE — “A Firenze abbiamo riunito oltre 600 persone per il World summit, con rappresentanti di 4 continenti che si sono confrontati sulle soluzioni a questo stato di crisi globalizzato. Come si supera questa situazione complicata? L’instabilità geopolitica si affronta con una filiera corta, facendo leva sulla sostenibilità, e poi con innovazione e creatività”. Così Fabrizio Santini, presidente Adaci Italia, l’Associazione italiana dei Manager degli Acquisti e del Supply Management che ha organizzato a Firenze l’Ifpsm World summit 23, convegno internazionale dei professionisti che si occupano di gestione acquisti e forniture.

“Le aziende manifatturiere sono quelle che soffrono di più perché scontano la pesante mancanza di vendita di prodotti - spiega Santini -. Il settore del made in Italy che, ad esempio, commerciava molto con la Russia, in questo momento ha frenato. E la crisi che si sta aprendo in Cina è un altro mercato che si chiude. La Toscana è in gran parte manifatturiera e, quindi, soffre. Tante aziende toscane, che si erano orientate verso il sud-est asiatico, fanno oggi una gran fatica rispetto a dieci anni fa. Difficoltà, ovviamente, anche per il settore del gas visto che molte commesse sono in Russia. Mentre le aziende farmaceutiche, visto il periodo del Covid, sono quelle che godono di maggiore salute”.

“Una situazione molto difficile, perché quello che abbiamo vissuto negli ultimi quattro anni è un cataclisma per le filiere di fornitura - sottolinea il presidente di Adaci Italia -. Nel 2019 tutti i settori erano in fase di sviluppo, nel 2020 è divampata la pandemia che ha stravolto il modo di vivere. 2021 e 2022 sono stati anni migliori ma, comunque, lontani dalla mole di fatturato del 2019. Nel 2022 si è cercato di recuperare, ma se il mercato non recepisce quello che produci prima o poi sei costretto a fermarti. Ed è quello che è successo in diversi settori nel 2023. A questo si è aggiunta l'instabilità politica con la guerra tra Ucraina e Russia, che ha reso difficoltoso l'approvvigionamento di materie prime, e fatto innalzare i costi energetici - ricorda Santini -. Come si arginano queste difficoltà? L’obiettivo è quello della filiera italiana, robusta ed economicamente sostenibile. Robusta che ti permetta di creare “business continuity”, la possibilità di mantenere la fornitura costante nel tempo; un fornitore vicino, che abbia una solidità economica e che non abbia criticità produttive. Una sostenibilità, poi, calibrata sulla natura e sull’uomo”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno