Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:00 METEO:FIRENZE20°33°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 15 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Chelsea-Tottenham, lite furibonda a fine match tra Conte e Tuchel

Monitor Consiglio martedì 05 aprile 2022 ore 16:24 Spazio a cura dei gruppi politici del Consiglio regionale della Toscana

PNRR "Semplificare non significa rinunciare al controllo"

L’analisi del Movimento 5 stelle sugli effetti di due proposte di legge che approderanno a breve in Consiglio regionale e che in pochi anni potrebbero cambiare irrimediabilmente il Paesaggio toscano.



FIRENZE — “L’azione di progressivo indebolimento della legge Marson in Regione Toscana continua con una nuova proposta di legge presentata dai consiglieri del Partito Democratico. Mentre la proposta di legge di Italia Viva si pone almeno il condivisibile impegno di semplificare la vita ai piccoli comuni - introducendo però un articolo non accettabile, che trasforma in regola l’eccezione in quanto riguarda tutti quelli che rientrano nei 5mila abitanti, ovvero la maggioranza – la revisione della proposta originaria è persino peggiorativa della prima stesura.” Ad affermarlo è Irene Galletti, Presidente del Gruppo Movimento 5 Stelle in Regione Toscana, che precisa:

“La pdl 92 fa emergere infatti una logica retrostante non solo deleteria, ma contro la quale anche il governo nazionale stesso si era raccomandato: che è quella per cui, pur di intercettare più fondi possibile dal PNRR, si stravolgono deliberatamente e in modo mirato quei principi di tutela del paesaggio e ambiente che nel 2014 la Giunta aveva meritoriamente realizzato e che erano un vanto tra tutte le regioni.

Sintetizzando in poche frasi le ragioni principali della nostra totale contrarietà, affermiamo che in linea di principio dobbiamo difendere l’autonomia e i poteri statuali delle amministrazioni locali: non è accettabile che un semplice progetto di fattibilità possa ridurre un consiglio comunale a dover prendere semplicemente atto di quanto accadrà sul suo territorio, esprimendo al più un parere politico non vincolante.

A una prima superficiale valutazione, questo spossessamento di funzione potrebbe sembrare ragionevole nella prospettiva di non perdere risorse importanti per i territori, ma la realtà è che questi apparenti alleggerimenti nascondono anche interessi privatistici non sempre in linea con le priorità del PNRR. Non si può ignorare infatti che le “opere di pubblica utilità oggetto di finanziamento” anche parziale al PNRR citate nell’articolo 1 possono essere anche di considerevole entità e di grande impatto ambientale: pensiamo a infrastrutture come un aeroporto o un tratto autostradale, che in virtù della loro complessità necessiterebbero un’attenzione particolare piuttosto che un’imprudente semplificazione. Proseguendo con l’analisi, pensare di ricorrere al silenzio assenso qualora la conferenza di copianificazione non riesca ad esprimere un giudizio entro trenta giorni, magari su progetti di grande complessità, è oggettivamente insostenibile.

A convincerci nel rifiuto della proposta nella sua interezza infine è l’articolo 2, che specifica come la Valutazione Ambientale Strategica non debba più essere necessaria per la localizzazione delle singole opere; concetto singolare visto che la VAS è nevralgica nello stabilire quali interferenze potrebbero provocare certe opere in combinazione tra di loro in uno specifico territorio, magari già fortemente impattato dalla concentrazione di attività antropiche.

Comprendiamo e condividiamo la volontà di questa Giunta e della maggioranza di capitalizzare al massimo i soldi in arrivo con il PNRR, ma per noi resta un mistero come un soggetto politico che è stato in grado di essere la forza propositrice di una legge moderna ed ambientalmente evoluta come la legge Marson possa rinnegare se stessa proprio mentre l’Europa intera sta finalmente mettendo la giusta attenzione alla sostenibilità ambientale e all’appropriatezza degli investimenti sui territori.”

Irene Galletti, Presidente del Gruppo Movimento 5 Stelle in Regione Toscana.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La persona dispersa è una donna. Mobilitazione per i soccorsi: sul posto un elicottero dei vigili del fuoco, personale specializzato e sommozzatori
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca