Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:45 METEO:FIRENZE13°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 02 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
«Via Rosa Chemical da Sanremo, proteggiamo i nostri bambini», l'invettiva in Aula della deputata di FdI

Cronaca martedì 11 aprile 2017 ore 14:10

Renzi senior in Tribunale contro Travaglio

Tiziano Renzi

Il padre dell'ex premier, in tribunale per la causa di diffamazione contro il direttore del Fatto, ha chiesto trecentomila euro di risarcimento



FIRENZE — Non poteva esserci giorno più propizio per Tiziano Renzi per affrontare in tribunale la nuova udienza della causa per diffamazione intentata contro il direttore del Fatto Quotidiano Marco Travaglio per una serie di articoli pubblicati fra la fine del 2015 e il marzo 2016 in merito alla sua attività imprenditoriale e ai suoi rapporti di affari con altre società. Renzi ha chiesto un risarcimento di trecentomila euro.

Non più tardi di ieri la procura di Roma ha indagato per falso materiale e ideologico l'ufficiale dei carabinieri che ha redatto buona parte delle informative sull'inchiesta Consip in cui Renzi senior è indagato per traffico di influenze illecite (vedi articoli collegati)

L'ufficiale è accusato di aver alterato un paio degli elementi su cui si basavano le ipotesi accusatorie contro il padre dell'ex premier la cui posizione si è così automaticamente alleggerita.  Una notizia che ha fatto tirare un bel sospiro di sollievo a Renzi padre (il figlio Matteo ieri sera ha raccontato a Porta a Porta che il babbo, appresa la novità, si è messo a piangere dall'emozione) anche se, ovviamente, l'inchiesta continua e alcune testimonianze contro di lui, come quella dell'amministratore delegato di Consip Luigi Marroni, al momento restano in piedi. Tiziano Renzi ha sempre respinto ogni addebito.

L'udenza di oggi della causa contro Travaglio è durata pochi minuti ed è stata aggiornata al 19 ottobre. I legali del giornalista hanno consegnato una memoria difensiva in cui viene rivendicato il legittimo esercizio del diritto di critica sulle attività della famiglia dell'ex premier in considerazione del ruolo pubblico ricoperto nel periodo di tempo in questione da Matteo Renzi. I legali di Tiziano Renzi ne hanno preso atto chiedendo al giudice un rinvio per predisporre le controdeduzioni.

Renzi padre non ha voluto rilasciare alcun commento ai giornalisti, nè prima nè dopo l'udienza, nè sulla causa contro il Fatto nè, tantomeno, su Consip. Ma è apparso disteso e, a lavori conclusi, ha voluto scendere a piedi i cinque piani del Palazzo di giustizia insieme ai suoi avvocati. Poi è uscito ed è tornato a Rignano.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno