Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:FIRENZE14°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
mercoledì 24 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Atleta iraniano di MMA prende a calci ragazza che non indossa il velo

Attualità giovedì 30 novembre 2023 ore 11:00

Rischio suicidio nei bambini, un aiuto dall'intelligenza artificiale

La dottoressa Tiziana Pisano
La dottoressa Tiziana Pisano

Uno studio toscano ha identificato due nuovi fattori predittivi e il ruolo dell'Ia nella prevenzione. Indagine su 237 pazienti del Meyer under 12



FIRENZE — Due nuovi fattori predittivi del rischio suicidario nei bambini under 12 e ruolo dell’uso dell’intelligenza artificiale a supporto ai medici per valutare il rischio suicidario stesso: è quanto ha messo a fuoco uno studio toscano appena pubblicato sulla rivista Science Progress.

La materia è delicata e nel tempo ha finito col rappresentare un'emergenza pubblica: il tasso di ospedalizzazione per comportamenti e pensieri suicidari tra il 2016 e il 2020 è passato dal 27,69% al 45,28%.

Si tratta di un primo studio multidisciplinare, che apre la strada a possibili nuovi impieghi dell’intelligenza artificiale a supporto della neuropsichiatria e che porta la firma di medici e ingegneri: coinvolto il team di Psichiatria dell’Infanzia e dell’adolescenza del Meyer, guidato dalla dottoressa Tiziana Pisano all’interno del Centro di eccellenza di Neuroscienze diretto dal professor Renzo Guerrini.

La ricerca è stata condotta insieme a specialisti del laboratorio congiunto T3Ddy - del quale sono responsabili la professoressa Monica Carfagni per l’Università di Firenze e l’ingegner Kathleen McGreevy per Meyer - e a Giovanni Castellini, professore associato di psichiatria Unifi.

Lo studio su 237 piccoli pazienti

Si tratta di uno studio osservazionale retrospettivo che ha analizzato i dati relativi a 237 pazienti ricoverati al Meyer per comportamenti e pensieri suicidari dal 2016 al 2020, quando il tasso di ospedalizzazione per comportamenti e pensieri suicidari è stato del 45,28%.

Obiettivo: identificare, a ritroso, quali fossero state le prime 'spie', i fattori predittivi, del rischio suicidario, in questi pazienti.

Per ciascuno di loro sono stati raccolti dati epidemiologici e psicopatologici e sono stati divisi in due gruppi: quelli che avevano mostrato una vera e propria volontà suicidaria (ad alto potenziale di rischio per la salute fisica), e quelli che invece avevano manifestato una ideazione suicidaria meno strutturata.

Qui sono entrati in campo l’intelligenza artificiale e la statistica: i dati sono stati organizzati e analizzati con modelli matematici e statistici come il metodo delle reti neurali, il random forest e il test del chi-quadro di Pearson.

Il risultato: due fattori di rischio nuovi

Lo studio di ciascuna variabile ha messo in luce due nuovi fattori statisticamente correlati ad un aumento del rischio di comportamenti suicidari nei bambini under 12: una precedente diagnosi di disturbo oppositivo provocatorio e una precedente diagnosi di disturbo esplosivo intermittente.

Non solo: lo studio ha evidenziato che il cosiddetto comportamento di volontà suicida (quello per cui il paziente non mostra una reale ideazione suicidaria, ma lancia attraverso questo comportamento una richiesta d’aiuto) è un fattore di rischio importante e fino ad ora sottostimato.

Un nuovo strumento

Il modello predittivo messo a punto dal tandem Meyer-Unifi potrà dunque essere uno strumento in più per identificare precocemente 'segnali d’allarme' nei giovani e giovanissimi, anche in quei casi considerati prima a basso rischio. Come ricorda anche l’Oms, i comportamenti suicidari mostrano una progressione (è cioè più probabile che il suicidio venga portato a termine se ci sono già stati comportamenti precedenti o tentativi autolesionistici), ed ecco perché questo strumento potrà essere un supporto utile per mettere in moto azioni preventive e interventi terapeutici precoci.

“Questo primo studio è molto promettente perché ci fa pensare che l’intelligenza artificiale possa dimostrarsi uno strumento in più da affiancare alla valutazione clinica dei pazienti, che non potrà ovviamente mai essere sostituita", spiega la dottoressa Pisano.

"Avere nuovi strumenti per valutare precocemente i rischi per la salute neuropsichiatrica di adolescenti e bambini è fondamentale e sappiamo che il suicidio, tra i giovanissimi, è un’emergenza pubblica: i dati che abbiamo preso in analisi mostrano che il tasso di ospedalizzazione per comportamenti e pensieri suicidari tra il 2016 e il 2020 è passato dal 27,69% al 45,28% e il trend purtroppo è tuttora in aumento”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno