comscore
Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 10°22° 
Domani 11°22° 
Un anno fa? Clicca qui
Toscana Media News - Giornale Online
venerdì 10 aprile 2020
corriere tv
Occhiali appannati con la mascherina? Ecco come evitare il problema

Imprese & Professioni sabato 15 febbraio 2020 ore 18:50

Come cambia il gioco d'azzardo a Firenze

A Firenze nel corso dell'ultimo anno è sceso il numero di sale per gioco d'azzardo e centri scommesse presenti.



TOSCANA — La riduzione dei punti di scommessa e gioco è minima visto che stiamo parlando di un calo del 4% sui cento luoghi attualmente sparsi sul territorio della città metropolitana dove è possibile giocare e scommettere. Un segno meno comunque significativo visto che rientra in un trend simile registrato anche in tutta la Toscana così come, salvo alcune rare eccezioni, in ogni provincia italiana. 

Come sta cambiando il modo giocare d'azzardo?

Eppure l'Italia rimane il paese dove si gioca più in assoluto in tutta la UE per spesa media pro capite nonostante il divieto quasi assoluto di promozione al gioco d'azzardo condiviso nell'Unione Europea dalla sola Lituania.

Come spiegarsi dunque questa dicotomia? Sostanzialmente con il cambio di abitudine dei fiorentini e più in generale degli italiani nell'approcciarsi al fenomeno gambling. Nelle sale da gioco sul territorio fiorentino, così come capita ugualmente anche in tanti altri centri della Toscana e del nostro Paese, sono stati imposti con una ordinanza comunale limitazioni agli orari di apertura, elemento del tutto assente per i casino aams raggiungibili facilmente online e dove si può giocare 24 ore su 24 senza limiti, vengono proposti vari bonus di benvenuto come incentivo per i nuovi utenti ed in cui si può entrare virtualmente senza doversi muovere da casa, semplicemente collegandosi ad Internet tramite PC, smartphone, tablet o qualsiasi altro tipo di device connesso alla rete.

Online o nelle sale da gioco c'è sempre il rischio ludopatia?

Possono cambiare le abitudini su come fruire il gioco d'azzardo ma rimane comunque costante il grave rischio chiamato GAP, acronimo che sta per gioco d'azzardo patologico, noto anche come ludopatia. Che sia nelle sale da gioco nel mondo "reale" o nei casinò online, oramai scientificamente è stato provato che una percentuale di soggetti, possono cadere in questo tipo di problemi a volte davvero drammatici.

In Toscana è in vigore dal 2018 una legge regionale, recentemente rifinanziata alla fine del 2019, con 6 milioni di euro che oltre all'istituzione di un osservatorio regionale sul fenomeno della dipendenza da gioco e il divieto di apertura entro certi limiti da luoghi sensibili, prevede azioni informative di prevenzione oltre che di sostegno alla persone cadute nel tunnel della ludopatia e alle loro famiglie.

Ludopatia: il caso di un fiorentino VIP

Ogni caso di ludopatia è un dramma ma lascia ancora più basiti quando a cadere in questo terribile vortice è un personaggio famoso. C'è un fiorentino molto noto in tutta Italia che dopo tanti successi radiofonici e televisivi, è stato al centro delle cronache proprio per questa ragione. Stiamo parlando di Marco Baldini, storica "spalla" di Rosario Fiorello, che ha spesso raccontato di cosa ha significato nella sua vita il dramma della ludopatia, tra cui la fine della relazione con sua moglie e problemi economici piuttosto gravi.

A Firenze centri d'ascolto e campagne informative

Per contrastare i problemi di ludopatia, si diffondono su tutto il territorio metropolitano nuovi centri di ascolto per aiutare le persone in difficoltà. Tra le nuove aperture segnaliamo i nuovi sportelli a Fucecchio, San Miniato, Santa Croce sull’Arno, Castelfranco di Sotto e Montopoli in Val d’Arno mentre in città le aperture più recenti di centri d'ascolto sono avvenute in via dei Serragli ed in via Liguria alle Piagge.

Si moltiplicano anche le campagne di informazione e prevenzione all'interno di scuole elementari, medie e superiori. Nonostante il divieto assoluto per i minori di 18 a giocare d'azzardo e a scommettere, il problema della ludopatia è purtroppo fortemente presente anche negli adolescenti, dove in termini percentuali il fenomeno è più accentuato rispetto alle altre fasce d'età. 



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità