Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 15°17° 
Domani 12°17° 
Un anno fa? Clicca qui
sabato 19 ottobre 2019

Cronaca martedì 07 maggio 2019 ore 11:35

Tour dello shopping, ma è contrabbando

Il sistema messo in atto dal sodalizio criminale prevedeva la complicità dei turisti, in Italia per dedicarsi allo shopping delle grandi marche



FIRENZE — I funzionari dell’Agenzia Dogane e Monopoli di Firenze in servizio presso l’Aeroporto Vespucci e i militari del Comando Provinciale di Firenze della Guardia di Finanza hanno portato ad interrompere il contrabbando di capi di abbigliamento di pregio, organizzato da 9 cittadini cinesi di cui 3 residenti in Italia e 6 in Cina, denunciati all’Autorità Giudiziaria per i reati di contrabbando aggravato e falso in atto pubblico. Sono stati sequestrati capi di abbigliamento per un valore di oltre € 130.000, rilevando tributi evasi per 45mila euro.

L’individuazione del meccanismo illegale è stata possibile grazie al sistema informatico ideato dall’Agenzia Dogane Monopoli denominato “OTELLO 2.0”, che digitalizza e confronta la fatturazione elettronica con i rimborsi dell’IVA.

Il sistema criminoso. Accompagnavano turisti cinesi presso i vari outlet della Toscana dietro la proposta di “vantaggiosi tour dello shopping”, gli acquisti fatti da stranieri in Italia possono infatti essere sgravati dell’I.V.A., così come previsto dal Tax Free, prima dell’imbarco per rientrare nel paese di origine. I turisti denunciati aggiungevano moltissimi oggetti da loro comperati per fare in modo che anche questi accedessero alla detrazione dell’imposta dell’IVA. I prodotti erano messi in vendita dallo stesso sodalizio criminoso potendo offrire oggetti a prezzi nettamente inferiori rispetto a quelli praticati da qualsiasi negozio del territorio, creando così una concorrenza sleale.

Le indagini proseguono per individuare i complici ed approfondire i risvolti di natura fiscale nei confronti di residenti sul territorio.



Tag

Matteo, il bodybuilder «squalificato» alla macchina della verità

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca