Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:30 METEO:FIRENZE7°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
venerdì 27 gennaio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Seregno, il 14enne spinto contro il treno in arrivo: le immagini dell'aggressione

Attualità venerdì 27 aprile 2018 ore 11:37

Scoperto il gene mutante che causa l'encefalopatia

Eccezionale scoperta di un team del Meyer che ha trovato la causa di una grave forma della patologia con deficit neurologici ed epilessia



FIRENZE — Lo studio del team dell'ospedale pediatrico Meyer è stato pubblicato sulla rivista scientifica 'Brain' e ha consentito agli studiosi fiorentini di entrare in contatto con numerosi altri gruppi di ricerca genetica. Il risultato è che quella che veniva considerata una rara forma di grave encefalopatia, in realtà, è più frequente di quanto si pensi:si tratta di una mutazione del gene ATP6V1A.

Il lavoro del  team di ricercatori del Centro di Eccellenza di Neuroscienze del Meyer e dell'Università di Firenze, diretti dal professore Renzo Guerrini si è svolto insieme ai gruppi dell'Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) e dell'Università di Genova diretti dai professori Fabio Benfenati e Anna Fassio. A loro si è progressivamente aggiunta una rete di centri di livello internazionale. Il pool fiorentino era a capo del progetto europeo dal nome Desire, che sta per "Development and Epilepsy - Strategies for Innovative Research to improve diagnosis, prevention and treatment in children with difficult to treat Epilepsy". Il progetto coinvolge 25 partner di 11 Paesi e oltre 250 ricercatori in 19 Centri interessati dalla ricerca clinica e di base.

Tutto è iniziato dagli approfondimenti genetici che sono stati effettuati nel caso di una bambina di nove anni che presentava i sintomi della malattia. Grazie al progetto Desire, è stato possibile eseguire il sequenziamento esomico ai geni per i quali non sono ancora note le conseguenze delle mutazioni. Dal test è emersa una mutazione del gene ATP6V1A nella piccola paziente a cui sono seguiti altri riscontri. Riscontri che poi sono arrivati: altri due pazienti pediatrici, ha detto Guerrini, sono stati trovati da un team di ricercatori giapponesi, mentre un altro è stato trovato negli Stati Uniti d'America, tutti con caratteristiche simili alla bimba del Meyer. 

Alla fine si è giunti a un'importante conclusione che, per Guerrini, dimostra come lo studio sia stato in grado di scoprire "una nuova malattia causata dalla mutazione in una delle due copie del gene ATP6V1A che ogni individuo possiede. Una malattia meno rara di quanto inizialmente noi pensassimo e probabilmente non scoperta prima perché la mutazione di entrambe le copie del gene causa un'altra malattia. Quindi chi trovava una mutazione in una sola copia non sapeva come considerarla". 

Ora c'è attesa per capire quali potranno essere le ricadute sul piano diagnostico e su quello della consulenza genetica delle famiglie. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La cometa verde non si avvicinava alla Terra da 52.000 anni e ora eccola. Quando scrutarla con gli occhi al cielo, ma 'transiterà' anche sul web
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Monitor Consiglio

Attualità