Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:15 METEO:FIRENZE18°31°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 03 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Ruggero Tita e Caterina Banti: ecco come si allenano i due d'oro della vela

Attualità venerdì 13 novembre 2020 ore 18:10

La marcia dei ristoratori arriva a Roma

Partiti da Firenze il 4 Novembre sono arrivati al Pantheon in 62 per protestare contro le chiusure delle loro attività. Incontro con il premier Conte



FIRENZE — Sopo partiti da Ponte Vecchio nove giorni fa e oggi sono arrivati a Roma: i Ristoratori Toscana con Pasquale Naccari e Gianfranco Vissani in testa hanno raggiunto la Capitale per protestare contro le chiusure delle attività disposte dai provvedimenti governativi per limitare i contagi da Covid-19. Alla "Camminata degli Inessenziali" hanno aderito anche altre associazioni tra cui il Coordinamento nazionale Ncc, Assidea, Airca – Associazione Imprese ricettive Città d’Arte.

Ad aspettare i manifestanti che sono partiti da Firenze il 4 novembre, e si sono incamminati lungo la Francigena, al Pantheon oltre mille persone: commercianti, gestori di locali, ambulanti, partite Iva, tassisti, guide turistiche e anche semplici cittadini.

Al Pantheon dopo aver fatto un presidio di protesta è arrivata la notizia che il premier Giuseppe Conte li avrebbe incontrati e così è stato

"Basta, mantenete queste maledette promesse - Pasquale Naccari, il coordinatore del gruppo - Per il decreto ristori hanno utilizzato un termine inesattissimo: questo è un piccolo risarcimento dei danni che stiamo subendo. Abbiamo bisogno di misure più concrete, equiparate ad altre nazioni più civili d'Europa. Dovete cacciare i quattrini come stanno facendo Austria, Germania, Inghilterra, Olanda, Francia e Spagna". 

"Siamo 60mila imprese, tra Ncc vetture e bus, ma per il governo siamo fantasmi – le parole di Giulio Aloisi, responsabile coordinamento nazionale Ncc - Si ricordano di noi solo quando c’è da pagare le tasse. Siamo in estrema difficoltà: molti di noi hanno già chiuso. Il turismo è scomparso e, anche se noi non siamo mai stati in lockdown, non lavoriamo da marzo perchè il turismo è scomparso. Eppure non abbiamo mica chiesto la luna: solo il 10% del fatturato dello scorso anno per arrivare almeno al prossimo marzo".

A Roma anche il capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale Marco Stella: "Questi imprenditori sono un esempio per tutti noi, hanno camminato a piedi per 280 km per dire che non è normale prendere provvedimenti che uccidono l'economia. Queste misure sono un dramma per le imprese, per chi ci lavora e per le loro famiglie. Nessuno qui vuole negare che il Covid c'è e va combattuto rispettando le misure anti-contagio. Però, prendere provvedimenti così drastici è sbagliato e controproducente, l'economia toscana ne uscirà con le ossa rotte. O il Governo stanzia i fondi necessari, o centinaia di migliaia di persone finiranno sul lastrico".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il benzinaio non sapeva del furto e quando ha protestato il ladro è fuggito. Rintracciato dalla polizia ha picchiato gli agenti
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Davide Cappannari

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità