comscore
Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 18°27° 
Domani 18°30° 
Un anno fa? Clicca qui
Toscana Media News - Giornale Online
mercoledì 15 luglio 2020
corriere tv
Autostrade, la famiglia Benetton accetta le condizioni del governo

Attualità giovedì 16 gennaio 2020 ore 18:25

Sas e parcheggi, le opposizioni affilano le armi

Il sindaco risponderà alle domande dei consiglieri comunali, intanto la maggioranza ha respinto la richiesta di dimissioni rivolta all'assessore



FIRENZE — Il sindaco di Firenze, Dario Nardella, interverrà nel prossimo Consiglio comunale sulla situazione della Sas, la società partecipata dei servizi alla strada, a seguito dell'inchiesta Free Parking & Co. 

"Non lo farà certo per i solleciti arrivati dai banchi dell’opposizione" è quanto Nicola Armentano, Benedetta Albanese e Letizia Perini, il capogruppo e le due vicecapogruppo Pd e Mimma Dardano, capogruppo lista Nardella hanno replicato alle opposizioni che durante la giornata di oggi hanno rivendicato la presenza in aula come una vittoria politica.

Federico Bussolin, Capogruppo della Lega a Palazzo Vecchio aveva dichiarato "Come richiesto dalla Lega Nardella verrà a riferire in aula lunedì 20 Gennaio per il dibattito sullo scandalo Sas. Vince il buonsenso. Avremo l’opportunità di riportare in Consiglio le istanze dei fiorentini che sono pervenute: c’è molta rabbia e sdegno in città e il passo indietro chiesto da Nardella al direttore generale non basta. Con uno scandalo di tale entità nella società avrebbero dovuto dimettersi tutti già ieri". Un intervento che non è piaciuto ai consiglieri Antonella Bundu e Dmitrij Palagi che hanno commentato "Speriamo non parta la gara a chi si intesta il merito di un atto dovuto, come quello di un sindaco che viene a parlare di una serie di illeciti legati a una partecipata del Comune. Il problema è non aver ricevuto comunicazioni in modo diretto lunedì scorso, bene però che non si sia scandalosamente sottratto al prossimo Consiglio. Lo abbiamo insistente chiesto anche noi, anticipando molte delle domande che esigono risposta. Anche perché a ottobre del 2019 era stata lanciata la nuova SAS, mentre numerosi servizi attendono di essere svolti".

Sul tema sono intervenuti anche Francesco Torselli, coordinatore regionale di Fratelli d’Italia e Alessandro Draghi, capogruppo a Palazzo Vecchio “Per quale motivo il sindaco Nardella sta chiedendo le dimissioni del Direttore Generale di SAS, dopo lo scandalo dei vigilini e dei parcheggiatori abusivi? Le dimissioni si chiedono quando si pensa che una persona non abbia operato bene. E quali sarebbero le colpe del direttore di SAS? Non si è accorto di cosa stesse succedendo in Sas? Bene! Lo stesso potrebbe essere detto del sindaco, visto che Sas è una società interamente di proprietà del Comune di Firenze. Allora dovrebbe dimettersi anche Nardella o, perlomeno, l’assessore alle società partecipate. Se invece Nardella pensa che il Direttore Generale non abbia operato correttamente, causando colpevolmente quanto accaduto, troppo facile sbrigarsela con una richiesta di dimissioni! Chi ha scelto il direttore? Topo Gigio? SAS è una società del Comune e i suoi dirigenti hanno il vaglio di Palazzo Vecchio. Troppo facile chiedere oggi le dimissioni".

"In merito alla richiesta di dimissioni dell’assessore Gianassi - hanno replicato Armentano, Albanese, Perini e Dardano - riteniamo sia paradossale, ridicola e anche offensiva se pensiamo che lo stesso Gianassi da assessore alla Polizia municipale nella scorsa legislatura ha dato impulso al contrasto del fenomeno dei parcheggiatori abusivi richiedendo azioni energiche e approfondite dalle quali è scaturita appunto l’indagine - motivazione risibile, poi, che oggi a distanza di pochi mesi si trovi a rivestire un’altra delega, quella alle Partecipate. Forse per Bussolin è troppo riconoscere apertamente questo impegno ma almeno avere l’onestà intellettuale di evitare certe uscite non guasterebbe. Su questa vicenda è necessaria la massima serietà e non tutta questa demagogia a cui diciamo sonoramente basta”.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità