Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 16°27° 
Domani 13°27° 
Un anno fa? Clicca qui
mercoledì 19 giugno 2019

Politica lunedì 23 marzo 2015 ore 18:03

Il Pd conferma il no a Severino Saccardi

Il segretario metropolitano Incatasciato replica a chi chiedeva la ricandidatura a consigliere regionale: "Ha già fatto due mandati, spazio ad altri"



FIRENZE — In calce all'appello c'erano decine di firme (da Vannino Chiti a Mario Primicerio e Sergio Givone, solo pr fare alcuni nomi), ma il Pd metropolitano di Firenze le ha rispedite al mittente. Severino Saccardi non sarà ricndidato a consigliere regionale nel collegio di Firenze Centro.

Una decisione che il segretario Fabio Incatasciato ha spiegato prendendo a sua volta carta e penna e rispondendo uno a uno ai firmatari dell'appello pro Saccardi (Severino). Fugando prima di tutto i dubbi, emersi in questi giorni, che la scelta della non ricandidatura dipendesse dalla omonimia con l'altra Saccardi (Stefania), già presente in lista.

"Il tema dell’omonimia con Stefania Saccardi non è mai stato preso in considerazione: il nuovo sistema elettorale permetterà agli elettori di votare direttamente il candidato sulla scheda, leggendo chiaramente nome e cognome ed evitando equivoci che la grafia, le iniziali, gli errori, hanno comunque generato, in alcuni casi, col vecchio sistema delle preferenze" chiarisce Incatasciato.

E allora ecco che "il motivo vero sta nel fatto che Severino Saccardi è già stato candidato due volte al Consiglio regionale" sebbene la seconda esperienza, per stessa ammissione del segretario, sia durata pochi mesi in sostituzione di Nicola Danti eletto all'Europarlamento. 

Non solo. Perché pur ammettendo che "Severino Saccardi ha rappresentato un riferimento per un’area culturale ampia a Firenze, che va oltre l’esperienza di Testimonianze e si lega a molti valori e proposte cari a me al Pd", l'obiettivo è quello di perseguire "una logica di rinnovamento". E per fare questo, insiste Incatasciato "un Partito ha il diritto di puntare su figure che, indipendentemente dal tema generazionale, interpretino più a fondo l’esperienza di questi ultimi anni". 

"Una scelta che non mi pare sbagliata, oltretutto - è la chiosa polemica di Incatasciato - visto che la seconda candidatura non è stata neppure propriamente un successo, visto che è arrivato molto indietro nella raccolta dei voti ed è stato uno degli ultimi a subentrare. Per questo a Severino abbiamo chiesto un contributo che può essere dato anche non necessariamente candidandosi alle elezioni".

Ecco allora che, tra gli uscenti, i riconfermati nella liste Pd saranno Eugenio Giani e Stefania Saccardi nella circoscrizione Firenze Centro (dove ha invece deciso di rinunciare Daniela Lastri) oltre a Simone Naldoni, Paolo Bambagioni e Vanessa Boretti in quella della Piana.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Politica

Cronaca