Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:56 METEO:FIRENZE22°34°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
venerdì 21 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Buffon e la sconfitta dell’Italia: «Ieri un riscontro che non ci aspettavamo. Ecco cosa faremo contro la Croazia»
Buffon e la sconfitta dell’Italia: «Ieri un riscontro che non ci aspettavamo. Ecco cosa faremo contro la Croazia»

Attualità martedì 29 aprile 2014 ore 15:57

La Monna Lisa alla prova del Dna

I resti mortali rinvenuti nella tomba di famiglia saranno comparati con il Dna raccolto sugli scheletri sepolti nell'ex convento di Sant'Orsola



FIRENZE — I prelievi, iniziati il 29 aprile alle 11 nella Cappella dei Martiri della Basilica della Santissima Annunziata, raggiungeranno il laboratorio di Antropologia ossea della Università di Bologna, dove saranno sottoposti al procedimento per l'estrazione del Dna, per un duplice confronto. 

“In primo luogo – spiega Silvano Vinceti, responsabile del Comitato Nazionale per la Valorizzazione dei Beni Storici Culturali – il raffronto del patrimonio genetico farà luce sulla vera identità dei singoli resti prelevati dalla Basilica di Firenze. L’incrocio dei dati servirà per capire se nella tomba di famiglia si trovava anche il corpo di Lisa Gherardini. Si sa infatti che Monna Lisa, la modella usata da Leonardo per il suo celeberrimo quadro, fu sepolta in un primo tempo nel convento di Sant’Orsola che ospitava la figlia Marietta, divenuta suor Ludovica ma secondo una recente teoria basata su un documento del Seicento ritrovato nel convento – sottolinea Vinceti – non è escluso che successivamente il corpo di Lisa Gherardini sia stato ricomposto insieme a quello del marito e dei figli”. Finora si riteneva che la tomba di famiglia contenesse, oltre ai resti di Francesco del Giocondo (marito di Lisa Gherardini), anche le spoglie mortali del figlio Bartolomeo, avuto con la prima moglie, e quelle del figlio Piero, avuto da Monna Lisa.

La seconda comparazione del Dna estratto dai resti finora custoditi nella basilica fiorentina riguarderà il raffronto con alcuni degli scheletri rinvenuti nell'ex monastero di Sant'Orsola che non è stato possibile sottoporre alla prova del Carbonio 14.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Servizio di Tommaso Tafi

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno