Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:10 METEO:FIRENZE23°37°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
mercoledì 24 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La campionessa inglese di equitazione filmata mentre frusta il cavallo. Bandita dalle Olimpiadi
La campionessa inglese di equitazione filmata mentre frusta il cavallo. Bandita dalle Olimpiadi

Cronaca mercoledì 10 maggio 2017 ore 14:40

Truffano il fisco per vivere nel lusso

Una delle auto sequestrate dalla guardia di finanza

Un'intera famiglia indagata per un raggiro di oltre 10 milioni ai danni dell'Erario. Sequestrati immobili, barche e costosissime auto



LIVORNO — Viaggi in mete di lusso, gioielli, auto costosissime, casinò e barche. Si potevano permettere di tutto grazie al mancato versamento di debiti tributari per oltre 10 milioni di euro.

Una intera famiglia, composta da italiani, albanesi e argentini, è ora indagata a vario titolo per associazione a delinquere e bancarotta fraudolenta.

La guardia di finanza ha sequestrato loro beni mobili e immobili per 8,8 milioni di euro denunciando 15 persone e dando seguito a cinque misure cautelari. 

Oltre a ingenti somme di denaro, le fiamme gialle hanno sequestrato 11 auto (tra cui, una Jaguar, due Mercedes, un Range Rover Sport e  una Maserati), 4 motoveicoli, una villetta a Livorno nella zona di Montenero e un’imbarcazione di circa 8 metri ormeggiata nel porticciolo di Rosignano Marittimo.

A finire in carcere, nel corso dell'operazione Black Coop, un 40enne albanese residente a Livorno e il suocero 49enne di Rosignano, mente dell'associazione a delinquere. I due, nell'arco di 5 anni hanno evaso almeno 4,5 milioni di euro e acquistato auto di lusso, Jaguar, Maserati, Porsche, Mercedes, barche, viaggi all'estero e speso importanti cifre ai casinò. I reati contestati vanno dall'associazione per delinquere alla bancarotta fraudolenta patrimoniale e documentale, bancarotta semplice, appropriazione indebita aggravata, dichiarazione infedele, sottrazione al pagamento delle imposte, indebita compensazione di crediti inesistenti e intestazione fittizia di beni. 

Ai domiciliari la moglie trentatreenne dell'albanese,  figlia del 49enne che, secondo quanto emerso dalle indagini, svolgeva il ruolo di contabile di cinque società cooperative, operanti nel settore delle spedizioni, amministrate dai due.

La donna faceva da tramite con un commercialista di Torre Annunziata, deceduto nel dicembre del 2016, costante punto di riferimento dell’organizzazione criminale, garantiva la riuscita della frode attraverso false dichiarazioni riportanti costi fittizi per 16 milioni e la compensazione di imposte dovute con crediti inesistenti per oltre 3 milioni di euro, con la presentazione, tra il mese di dicembre 2015 e il mese di aprile 2017 di 58 modelli F24. 

Obbligo di firma per un ragazzo di 26 anni, fratello della 30enne contabile, e un argentino residente a Rosignano.

Il sodalizio criminale si è avvalso del supporto di altri undici soggetti, indagati e coinvolti a vario titolo soprattutto in qualità di prestanome e amministratori di diritto delle società o per garantire l’intestazione fittizia dei beni.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Livorno- Operazione Black Coop
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno