Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:00 METEO:FIRENZE15°24°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 04 ottobre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Corea del Nord lancia missile verso il Giappone: le sirene d'allarme a Misawa

Cronaca martedì 30 aprile 2019 ore 16:33

Vernice spray sulla targa ma è un'opera d'arte

La targa annerita

Uno studente livornese ha voluto ricoprire con spray nero un’opera dell’artista Ruth Beraha dal contenuto provocatoriamente discriminatorio



LIVORNO — Alla vigilia del festa di primo compleanno del Museo della città, un giovane studente livornese ha voluto ricoprire con spray nero un’opera dell’artista Ruth Beraha posta proprio all’ingresso del Polo Culturale.

Un’opera sul tema della discriminazione e dell’inclusione, volutamente provocatoria. 

Il ragazzo ha infatti ricoperto di spray una targa dove è scritto "vietato l’ingresso agli ebrei e agli omosessuali".

Sia l’artista Beraha, che la direttrice scientifica dei musei civici livornesi Paola Tognon, presenti al momento dell’accaduto, si sono soffermate a lungo a confrontarsi con lo studente riconoscendo l’istintività del gesto e la direttrice Tognon ha voluto spiegare bene cosa è accaduto:

“Ieri pomeriggio, 29 aprile 2019, abbiamo allestito all’ingresso esterno del Museo della Città- Luogo Pio Arte Contemporanea di Livorno, l’opera di Ruth Beraha Io non posso entrare (autoritratto). Una piccola targa in ottone specchiato che reca scritto: vietato l’ingresso agli ebrei e agli omosessuali. Stamane - 30 aprile 2019 – un giovane studente ha voluto interamente coprire con uno spray nero la targa ritenuta offensiva.

Ritengo che questa opera di Ruth Beraha abbia in qualche modo sollecitato solo il primo e forse il più banale dei suoi messaggi, cioè quello di essere una semplice provocazione.

Gli intenti di questa opera sono invece quelli di sollecitare una riflessione contro tutti i razzismi e le discriminazioni, quelle del passato, del presente e del futuro.

In particolare Ruth Beraha ha scelto di nominare in questo divieto di accesso due categorie la cui discriminazione è tristemente riconosciuta, per questo ancor più efficaci nel porci di fronte a una riflessione più vasta sui razzismi di ieri come purtroppo anche quelli di oggi, dentro e fuori di noi.

Il titolo stesso dell’opera: Io non posso entrare (autoritratto) segnala inoltre in maniera evidente la presa diretta di responsabilità dell’artista: anche Ruth Beraha non avrebbe potuto entrare nel nostro Museo. Scrivo convintamente, oggi ancor più che ieri, che sono orgogliosa che Ruth Beraha sia entrata nel Museo di Livorno e abbia voluto costruire un progetto espositivo site specific che porta un titolo significativo: Non sarai mai solo.

Ruth Beraha ha scelto di lasciare la sua opera, la targa, nella sua condizione attuale, annerita e quindi censurata. A monito e con la consapevolezza di una lotta contro ogni discriminazione. Prima la targa di ottone, appositamente specchiato, rifletteva sulla sua superficie i nostri volti e i nostri occhi increduli. Oggi è nera, ma ciò non impedisce completamente, per chi vuole, di leggerne ancora il contenuto”


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
A scoprire i corpi dei due, fiorentini, sono stati i carabinieri a seguito dell'allarme lanciato da una donna che non riusciva a contattarli
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità