Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:20 METEO:FIRENZE16°24°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
mercoledì 05 ottobre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Governo, Meloni: «Sui tempi dell'esecutivo chiedete al Colle, non a me»

Attualità giovedì 07 maggio 2015 ore 15:06

Logopedisti in allarme: "Ci serve una laurea vera"

Servizio di Tommaso Tafi

In Europa dura 5 anni, da noi solo 3. Dal 2016 l'Ue aprirà alla libera circolazione dei professionisti sanitari ma gli italiani saranno tagliati fuori



FIRENZE — Ogni anno in Italia circa 700 mila bambini, compresi i figli di genitori stranieri, manifestano disturbi nel linguaggio. In Toscana sono 5000 d'età compresa tra i 3 e i 5 anni. Nel 70% circa dei casi questi disturbi si traducono in balbuzie, dislessia o difficoltà di redazione di un testo alfanumerico appena superati i 7 anni.

Ad occuparsi di questo problema sono tra i 12 e 15 mila logopedisti, di cui 1500 circa attivi in Toscana, che si sono ritrovati a Firenze al congresso nazionale della Federazione logopedisti italiani. Un'occasione imperdibile per lanciare un appello alle ministre della Sanità, Beatrice Lorenzin, e dell'Istruzione, Stefania Giannini, affinché riformino il sistema di accesso alla professione. Ora basta una laurea triennale, ma la Fli chiede che si arrivi a un percorso universitario unico di 5 anni. Solo così le professionalità italiane saranno parificate a quelle del resto d'Europa, Francia in primis. 

Anche perchè, altrimenti, nel 2016 i logopedisti italiani rischieranno di essere tagliati fuori "dal mercato". Una direttiva europea permetterà infatti la libera circolazione dei professionisti della sanità, ma con la loro laurea breve gli italiani non saranno abilitati a lavorare all'estero, mentre gli stranieri potranno venire in Italia.

Per il resto il congresso di Firenze è stato utile per ribadire alcuni accorgimenti necessari a prevenire da parte dei genitori lo sviluppo di difficoltà del linguaggio. Gli step da tenere sotto controllo sono i 18 e i 30 mesi. Il bambino entro quella data deve saper parlare o comunque mostrare voglia di comunicare. Altrimenti è meglio rivolgersi a uno specialista, che consiglierà tra le altre cose ai genitori alcuni giochi per migliorare le proprietà di linguaggio dei più giovani. Molto utili in questo senso sono i tablet e le nuove tecnologie, ma anche il gioco delle imitazioni a quello del "far finta" fino alla tombola sonora e al girotondo delle rime.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Lo scontro è avvenuto attorno all'ora di pranzo e ha coinvolto due automobili. Due uomini, una ragazza e due minorenni sono stati portati in ospedale
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

RIGASSIFICATORE

Attualità

Attualità

Attualità