Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:40 METEO:FIRENZE22°34°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
venerdì 21 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Buffon e la sconfitta dell’Italia: «Ieri un riscontro che non ci aspettavamo. Ecco cosa faremo contro la Croazia»
Buffon e la sconfitta dell’Italia: «Ieri un riscontro che non ci aspettavamo. Ecco cosa faremo contro la Croazia»

Cronaca venerdì 19 marzo 2021 ore 09:23

In carcere ma col reddito di cittadinanza

auto dei carabinieri

I carabinieri hanno denunicato 15 persone sorprese a percepire il contributo di sostegno in maniera impropria, tra cui un detenuto



LUCCA — Uno percepiva il reddito di cittadinanza nonostante si trovasse detenuto in carcere. Altri erano ai domiciliari, sottoposti a divieto di dimora o a obbligo di firma. Non sono che alcuni tra i 15 denunciati dai carabinieri per percezione indebita del contributo di sostegno. Le accuse sono di omissioni nelle comunicazioni della variazione di reddito e di false dichiarazioni per l’indebito ottenimento del reddito di cittadinanza e a risponderne saranno 15 cittadini della provincia di Lucca, tra cui 5 di nazionalità straniera.

Gli accertamenti - condotti dai militari del nucleo carabinieri ispettorato del lavoro in servizio presso l’Ispettorato territoriale del lavoro di Lucca e Massa Carrara, coadiuvati dai militari del Comando Provinciale Carabinieri di Lucca - hanno consentito di scoprire una serie di raggiri volti a percepire indebitamente l’aiuto in denaro che variava, mensilmente, da 780 a 1.330 euro a seconda se soli o con famiglia a carico. In totale le somme indebitamente percepite ed erogate dall'Inps ammontano complessivamente a 90.000 euro.

Da quanto emerso nel corso degli accertamenti 8 dei soggetti coinvolti avevano omesso di dichiarare le variazioni reddituali, mentre gli altri 7 avevano prodotto false dichiarazioni per ottenere indebitamente il beneficio, nonostante non avessero alcun requisito in quanto sottoposti a provvedimenti restrittivi come ad esempio il divieto di dimora, detenzione domiciliare, obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Nel corso degli approfondimenti è poi venuto fuori che uno dei beneficiari usufruiva del reddito di cittadinanza nonostante si trovasse recluso nel penitenziario lucchese.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno