Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 21°25° 
Domani 22°33° 
Un anno fa? Clicca qui
martedì 23 luglio 2019

Cronaca venerdì 19 aprile 2019 ore 14:42

I topi infestano l'area dietro lo stadio

Il sindaco ha emesso un'ordinanza che vieta l'accesso in tutta l'area. Il 23 aprile inizia la disinfestazione da parte della ditta incaricata



MASSA MARITTIMA — "L'area dietro lo stadio comunale è invasa da numerosi topi". Lo segnala il Comune di Massa Marittima annunciando che il sindaco ha emesso un'ordinanza  che impone alcune regole di comportamento con lo scopo, da un lato, di tutelare la salute pubblica e dall'altro, di garantire la riuscita della disinfestazione.

In una nota il Comune informa che "L'amministrazione, accertata la presenza di popolazione di muridi di tipo norvegicus (ratti) nell’area retrostante lo Stadio Comunale Elmi, i sottostanti viali Risorgimento, P. Nenni la sottostante Chiesa e l’impianto di tiro sportivo della balestra, ha ritenuto necessario attivare con urgenza tutte le misure atte a contenere la proliferazione della popolazione murina con un mirato processo di derattizzazione, eliminando la colonia in tutta l’area". 

Per queste ragioni il sindaco ha ordinato il divieto assoluto di accesso in tutta l’area retrostante lo Stadio Comunale Elmi, che porta alla sottostante Chiesa, all’impianto di tiro sportivo della balestra, nonché verso i sottostanti viali Risorgimento e P. Nenni, fino al termine della derattizzazione, pulizia e rimessa in pristino dell’area.

Disposti inoltre il divieto di spargimento di ratticidi o agenti simili da parte di privati sia nel luogo oggetto della presente ordinanza che nelle aree pubbliche del territorio comunale e il divieto assoluto di spargimento di acqua e cibo di qualsiasi genere nell’area.

L'ordinanza, prosegue il Comune, dà "Specifico mandato ai servizi sociali e alla polizia locale, ciascuno per la propria competenza, di monitorare ed inibire l’accesso all’area a chi da tempo continua a spargere cibo alla popolazione murina".

"Già in passato - sottolinea la nota- l’Amministrazione comunale, in accordo con una ditta specializzata, aveva provveduto ad interventi di derattizzazione, risultati però inefficaci a causa dell'asportazione da parte di qualcuno delle scatole ratticide e proprio per il continuo conferimento di cibo all'interno dell'area".

Da qui la decisione del sindaco di interdire l'intera zona che, a partire dal prossimo 23 aprile, sarà oggetto di una disinfestazione da parte della ditta incaricata.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Lavoro

Attualità