Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 12° 
Domani 10° 
Un anno fa? Clicca qui
venerdì 15 novembre 2019

Cronaca mercoledì 06 settembre 2017 ore 16:27

I rapinatori con un debole per il Dom Perignon

Arrestati tre malviventi, tutti di origine siciliana, ritenuti gli autori di numerose rapine in banca, di cui due commesse a Carrara



MASSA CARRARA — I carabinieri li hanno bloccati in tre località siciliane diverse, Acireale, Augusta e Naxos, dopo una lunga indagine: sono criminali molto esperti i tre siciliani arrestati per aver messo a segno numerose rapine in banca, di cui due nell'ottobre e nel novembre 2015 a Carrara: la Banca regionale europea di Avenza e la Cassa di Risparmio di Pistoia e della Lucchesia di Marina.

I malviventi gestivano gli assalti in maniera coordinata, agendo senza scrupoli: prima minacce ai cassieri per ottenere le password dei caveau, dei bancomat e delle casseforti, facendo esplicito riferimento ai loro familiari per intimorirli. Poi polpastrelli ricoperti di colla per non lasciare impronte, camuffamenti ogni volta diversi, spostamenti in aereo, treno, auto, senza alcun contatto nei territori presi di mira e utilizzando schede telefoniche intestate a persone inesistenti.

A tradire la banda è stata la passione per lo champagne: dopo ogni colpo, i tre festeggiavano stappando una bottiglia di Dom Perignon e grazie a un sofisticato sistema per i rilievi antropometrici è stato possibile risalire alla loro identità.

Le altre banche rapinate si trovano a Venezia, La Spezia, Bergamo e Alessandria.



Tag

Venezia sott'acqua, la peggiore marea degli ultimi 50 anni: le immagini dall'elicottero

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Cronaca