Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:37 METEO:FIRENZE10°13°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
mercoledì 07 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, i tifosi del Marocco festeggiano il passaggio ai quarti

Cultura sabato 06 settembre 2014 ore 15:25

Miti e simboli della civiltà Nuragica

Servizio di Serena Margheri

Fino al 15 ottobre il Museo Archeologico Nazionale di Firenze ospita la mostra “Miti e simboli di una civiltà mediterranea: la Sardegna nuragica”



FIRENZE — Dopo gli importanti successi riscossi in altre prestigiose sedi della penisola, tra cui il Museo Etrusco di Villa Giulia a Roma e il Teatro del Falcone presso il palazzo Reale di Genova, la mostra “Miti e simboli di una civiltà mediterranea: la Sardegna nuragica” arriva a Firenze, grazie alla collaborazione fra diverse istituzioni: L’Associazione Culturale Sardi in Toscana, le Soprintendenze archeologiche della Toscana e per le province di Sassari e Nuoro e i Comuni sardi di Ittireddu, Teti e Torralba che hanno finanziato interamente l’evento.

Nata come mostra tematica sul Nuraghe, uno degli elementi simbolici più importanti dell’età nuragica, l'edificio di forma troncoconica che la caratterizza, il percorso espositivo è stato progressivamente implementato, fino a configurarsi quale evento su una delle più importanti civiltà del Mediterraneo occidentale.

Accanto agli eccezionali reperti, soprattutto bronzei, provenienti dalle più importanti sedi museali della Sardegna bronzetti figurati, navicelle, armi, modelli di nuraghe e numerosi bronzi d’uso, verranno esposti anche i materiali nuragici custoditi presso il Museo Archeologico di Firenze. Si tratta di oggetti rinvenuti in ricche tombe villanoviane ed Etrusche specie dell’Etruria mineraria, Populonia e Vetulonia, che testimoniano gli intensi rapporti fra Nuragici e popolazioni tirreniche tra il X e l’VIII sec. a.C.

Le popolazioni dell’isola delle torri vennero infatti attratte, già nel X secolo a.C., da una risorsa fondamentale, il Ferro dell’isola d’Elba e delle aree limitrofe.

E sono soprattutto i modelli di imbarcazione, le cosiddette navicelle votive, ben 5 sono state rinvenute nella sola Vetulonia, che evocano, più di ogni altro oggetto, molteplici significati e messaggi ideologici da parte della comunità di riferimento, simboli allo stesso tempo del potere sul mare ma anche del possesso della terra.

Questi straordinari manufatti -insieme ad altre tipologie di oggetti tipo bottoni, pendagli, brocche in ceramica, che intorno all’VIII sec. verranno rielaborate dalle popolazioni tirreniche in modo originale- lasciano ipotizzare una presenza stabile di genti di provenienza sarda in Etruria settentrionale.

Questi stretti legami tra la Sardegna e la costa tirrenica sono in qualche modo riflessi anche dalle fonti antiche, le quali narravano che Tirreno, padre fondatore del popolo etrusco, giunse dalla Lidia portando con sé la moglie Sardò, eponima dell’isola

Tutto ciò testimonia una sorta di “passaggio di consegne” fra gli eredi degli antichi costruttori di torri e i nuovi Tyrrenoi.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Una donna è deceduta e due persone sono rimaste ferite in un incidente stradale avvenuto sull'Autostrada A1, sul posto vigili del fuoco e 118
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Pierantonio Pardi

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Monitor Consiglio

Monitor Consiglio

Cronaca

Monitor Consiglio