Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:06 METEO:FIRENZE21°34°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 21 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Plastica monouso: perché lo stop dell'Ue a quella biodegradabile colpisce solo l'Italia

Attualità lunedì 27 aprile 2015 ore 17:25

Per migliaia di imprese l'energia costerà meno

Servizio di Tommaso Tafi

Un accordo tra Enel e Regione permetterà a 5 mila aziende delle aree geotermiche tra Pisa, Grosseto e Siena di avere uno sconto del 10% in bolletta



FIRENZE — Nelle prossime settimane gli imprenditori di 16 comuni della val di Cecina pisana e dell'Amiata grossetana e senese riceveranno la visita degli operatori dell'Enel che spiegheranno i dettagli dell'offerta.

Si tratta di circa 2.610 aziende manifatturiere e 2.670 imprese agricole che danno lavoro a oltre 10 mila persone che riceveranno così un compenso per essere spesso servite da una rete stradale non adeguata e che vedranno il costo della loro energia equiparato a quello delle grandi industrie.

Non solo. Con l'accordo siglato in Regione dal governatore Enrico Rossi e dal Country manager Italia di Enel, Carlo Tamburi, la società che eroga l'energia elettrica si impegna anche a realizzare una piscina riscaldata a Arcidosso e Santa Fiora e una rete di cessione del calore per le nuove aziende che vorranno stabilirsi proprio ad Arcidosso.

In questo modo si porta a compimento il lavoro iniziato nel 2007 con l'Accordo Generale sulla geotermia, che ha permesso l'installazione di impianti sostenibili dal punto di vista ambientali e ha portato una compensazione importante nelle casse di Comuni e Regione.

Ecco l'elenco dei comuni interessati: Abbadia San Salvatore, Arcidosso, Castel del Piano, Castelnuovo Val di Cecina, Chiusdino, Montecatini Val di Cecina, Monterotondo Marittimo, Monteverdi Marittimo, Montieri, Piancastagnaio, Pomarance, Radicofani, Radicondoli, Roccalbegna, San Casciano dei Bagni e Santa Fiora.

Sempre oggi, poi, la Regione ha dato il via libera alla Valutazione di impatto ambientale per la centrale di Monterotondo Marittimo: ne nascerà un impianto da 20 megawatt, capace di produrre 140 milioni di chilowattora l'anno e che costerà 80 milioni di euro. Una centrale moderna che coprirà il 30% della dei fabbisogni energetici dell'intera regione. Per costruirla ci vorranno 30 mesi circa.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sul portale regionale possono prendere l'appuntamento solo over60 e fragili. L'ira del governatore Giani, le rassicurazioni del commissario Figliuolo
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità