Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:56 METEO:FIRENZE14°28°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 16 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Il drone ucraino sgancia una bomba sul carro armato russo: l'attacco visto dall'alto

Cronaca lunedì 19 febbraio 2018 ore 17:00

"Riscrivere le accuse contro Woodcock e Carrano"

Lo ha chiesto la sezione disciplinare del Csm in merito al procedimento aperto contro i due pm di Napoli nell'ambito dell'inchiesta Consip



ROMA — Il procuratore generale della Cassazione Mario Fresa dovrà riscrivere l'accusa formulata nei confronti dei due pm della procura di Napoli John Henry Woodcock e Celeste Carrano davanti alla sezione disciplinare del Consiglio superiore della magistratura. 

A Woodcock e Carrano, titolari del filone d'inchiesta napoletano sugli appalti della Consip, il pg aveva contestato una "grave scorrettezza" in merito al comportamento da essi tenuto nei confronti di Filippo Vannoni, presidente di Publiacqua ed ex consigliere di Palazzo Chigi, durante un interrogatorio avvenuto nel dicembre 2016 (vedi qui sotto gli articoli collegati). Comportamento che, stando a quanto scritto dal pg nella sua relazione, avrebbe "sconvolto, frastornato e scioccato" Vannoni. La sezione disciplinare del Csm però ha ritenuto necessario che l'accusa contro i due pm venisse precisata meglio e ha incaricato il pg di provvedere.

Il processo contro Woodcock e Carrano riprenderà quindi il 15 marzo. In quella sede saranno ascoltati alcuni testimoni, compresi quelli chiesti dai difensori dei pm in relazione proprio all'interrogatorio di Vannoni.

Per la cronaca, Filippo Vannoni è coinvolto in particolare nelle indagini sulle fughe di notizie che hanno costellato l'inchiesta principale sugli appalti della Consip, la centrale acquisti dello Stato. Alcune soffiate hanno avuto come destinatari gli allora vertici dell'ente, fra cui l'ex amministratore delegato Luigi Marroni, testimone chiave in tutta la vicenda. 

Interrogato da Woodcock e Carrano nel dicembre 2016, Marroni dichiarò di aver appreso dell'esistenza di un'inchiesta su episodi di corruzione negli appalti dall'allora comandante della Legione Toscana dei Carabinieri Emanuele Saltalamacchia nonchè dall'amico fiorentino Filippo Vannoni.

Convocato a sua volta davanti ai pm napoletani, Vannoni dichiarò di aver appreso dell'esistenza dell'inchiesta Consip da Luca Lotti, all'epoca sottosegretario alla presidenza del Consiglio dei ministri e oggi titolare del dicastero dello sport. Interrogato nuovamente alcuni mesi dopo dai pm della procura di Roma a cui era stata trasferita l'inchiesta, il presidente di Publiacqua ridimensionò le sue dichiarazioni ed è stato indagato per favoreggiamento.

La sezione disciplinare del Csm ha accolto anche la richiesta del pg di ascoltare l'ex capo della procura di Napoli Nunzio Fragliasso e la giornalista di Repubblica Liana Milella in merito ad alcune dichiarazioni sull'inchiesta Consip rilasciate da Wodcock alla cronista.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un uomo e una donna residenti fuori Toscana sono stati soccorsi a seguito di un incidente che ha coinvolto la moto sulla quale stavano viaggiando
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Imprese & Professioni

Cronaca

Imprese & Professioni

Imprese & Professioni