Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:35 METEO:FIRENZE15°24°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 04 ottobre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Corea del Nord lancia missile verso il Giappone: le sirene d'allarme a Misawa

Politica martedì 13 agosto 2019 ore 17:35

"Salvini si dimetta, nuova maggioranza possibile"

Matteo Renzi in una conferenza stampa in Senato ha rilanciato l'appello a formare un nuovo governo. "L'accordo parlamentare non è un tradimento"



ROMA — Qualche ora prima del voto in Senato sulla calendarizzazione della comunicazione del presidente del Consiglio Giuseppe Conte che Lega e Fratelli d'Italia vorrebbero già il 14 agosto per accelerare i tempi della crisi, Matteo Renzi in una conferenza stampa a Palazzo Madama ha rilanciato l'appello a trovare un accordo per trovare una maggioranza che porti a un nuovo governo. Di che tipo ancora non si sa e lo stesso Renzi, che si è presentato ai giornalisti come "ex presidente del Consiglio", ha detto: "Non mi impicco alle formule. Qualcuno dice istituzionale, qualcuno dice di legislatura, io lo definisco No Tax".

Parole che servono anche a smorzare i toni rispetto a una giornata, quella di ieri, in cui la proposta dell'ex premier di un governo che durasse il tempo di fare la manovra per poi tornare a votare era stato respinto senza troppi complimenti dal segretario nazionale del PD Nicola Zingaretti. "Zingaretti ha avanzato due richieste: che vi sia unità e che sia la segreteria a gestire questo passaggio. Mi sembrano richieste condivisibili", ha detto oggi Renzi che dalla sua ha la maggioranza dei parlamentari. 

Da qui anche la sicurezza sul voto in Senato, deciso ieri dalla presidente Casellati dopo la mancata unanimità nella conferenza dei capigruppo: "Io non darò alibi a nessuno per fare saltare l'accordo che il tabellone di Palazzo Madama mostrerà stasera essere possibile, per questo i senatori oggi in Aula scopriranno che il ministro dell'Interno non vuole votare oggi in Senato perché è in minoranza".  

Quindi la stoccata al vicepremier, ministro dell'interno e capo della Lega: "La svolta che Salvini ha impresso alla politica italiana è fallita, si dimetta". 

Sono ore, insomma, di grandi manovre all'interno dei partiti ma anche nei rapporti di forza tra le forze politiche che si stanno riorganizzando sull'onda della crisi aperta la scorsa settimana dopo la spaccatura sul voto della Tav. Sono ore, soprattutto, in cui si attende di capire, e lo diranno i numeri, se esiste o meno un'altra maggioranza come sostenuto da Renzi. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
A scoprire i corpi dei due, fiorentini, sono stati i carabinieri a seguito dell'allarme lanciato da una donna che non riusciva a contattarli
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca