Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 10° 
Domani 7° 
Un anno fa? Clicca qui
mercoledì 11 dicembre 2019

Attualità venerdì 28 novembre 2014 ore 12:00

Scuola e pubblico impiego verso lo sciopero

Lunedì 1 dicembre servizi a rischio e manifestazioni in tutte le province della Toscana per la mobilitazione nazionale proclamata dalla Cisl



FIRENZE — Due presìdi davanti alle Prefetture, uno a Firenze in via Cavour dalle 11 alle 13, e uno a Prato, in via Cairoli dalle 10.30 alle 12.30. Manifesteranno così, lunedì 1 dicembre, i lavoratori di scuola e pubblico impiego per lo sciopero nazionale proclamato dalla Cisl dopo l’infruttuoso incontro col Governo del 17 novembre scorso.

Per Mauro Spotti, segretario della Cisl-FP di Firenze e Prato "quello di lunedì non sarà solo uno sciopero, ma una giornata di mobilitazione sociale, per informare i cittadini dei rischi che corrono di vedersi tagliati i servizi, per via di un Governo che non sta affrontando i nodi e le inefficienze vere della macchina pubblica”.

“Da troppi anni – spiega invece Antonella Velani, segretaria della Cisl Scuola di Firenze e Prato - i lavoratori della scuola attendono il rinnovo di un contratto che tutti i governi hanno disatteso. Tutti i governi riconoscono l'importanza della scuola, ma nessuno affronta davvero il disagio profondo che la attraversa”. 

Solo in provincia di Firenze sono circa 40 mila i lavoratori coinvolti: oltre 7.500 in sanità pubblica, circa 9.000 nelle autonomie locali (Comuni, Province, Regione e Agenzie), 4.500 nelle strutture dei Ministeri e delle Agenzie fiscali, oltre 650 negli Enti pubblici non economici (Inps, Inail e uffici di riferimento), circa 16 mila della Scuola (docenti e personale ATA), cui si sommano le diverse migliaia di lavoratori della sanità e del settore socio sanitario privato. 

In Toscana sono previste iniziative in mattinata anche davanti alle Prefetture di Arezzo, Grosseto, Livorno, Lucca e Pistoia. A Pisa appuntamento in piazza del Comune dalle 10 alle 12, a Massa Carrara in mattinata in piazza Aranci. A Siena non sono previste manifestazioni a causa della concomitanza con la festa di Sant’Ansano, patrono della città.



Tag

Mes, Conte: «L'Italia non ha nulla da temere, il nostro debito è sostenibile»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Cronaca