Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 22:45 METEO:FIRENZE12°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
sabato 29 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Conte mangia un gelato dopo il vertice con Letta e Salvini: «Problema risolto? Speriamo che la notte porti consiglio»

Attualità domenica 17 dicembre 2017 ore 17:15

Truffano anziano e si fanno donare case e terreni

L'uomo, malato, è stato convinto a firmare atti notarili in cui cedeva a 3 conoscenti beni immobiliari per oltre un milione e 55mila euro in contanti



SIENA — Hanno raggirato un anziano semianalfabeta e malato convincendolo a firmare degli atti notarili con i quali cedeva ai tre conoscenti casali e terreni per un valore di oltre un milione di euro, più altri 55mila euro in contanti.

E' la truffa messa in atto da tre persone - una giovane di 23 anni, il padre di questa e un altro uomo - e scoperta dopo più di un anno di indagini dai carabinieri di Chiusdino. I tre malviventi, tutti conoscenti dell'anziano, sono stati denunciati per circonvenzione di incapace.

La vicenda è giunta a conoscenza dei militari dell'Arma nel novembre 2016, quando alcuni familiari dell'anziano di 70 anni hanno denunciato che il parente era stato raggirato da tre soggetti che gli avevano fatto firmare a sua insaputa dei documenti dinanzi ad un notaio. Atti tramite cui l'uomo si impegnava a donare tutte le sue proprietà immobiliari a Chiusdino, costituite da alcuni casali e diversi terreni. La ''donazione'' fittizia, spiegano i carabinieri, avveniva in favore di una giovane di anni 23, residente in Lombardia, di cui l'anziano raggirato conosceva il padre, un cinquantenne, da molti anni. 

I carabinieri hanno accertato che l'anziano era stato circuito facendogli sottoscrivere un atto di costituzione di una società agricola semplice che si sarebbe occupata della riqualificazione dell'intera area e della realizzazione di un agriturismo. Società costituita proprio con la 23enne in qualità di socia. 

E' in questo momento che il fratello e la sorella del settantenne fanno denuncia contro la giovane ragazza e suo padre per circonvenzione di incapace. Con la denuncia, i parenti consegnarono ai carabinieri copia dell'atto di donazione firmato dal loro fratello e da altre persone in qualità di ''testimoni'': con l'atto l'anziano cedeva la nuda proprietà alla giovane donna riservandosi solo l'usufrutto oltre ad importanti donazioni in denaro a favore della predetta società.

Le indagini, coordinate dal pm di Siena Nicola Marini, confermano a pieno l'impianto accusatorio e culminano in un avviso di garanzia per circonvenzione di incapace in concorso. I militari hanno effettuato il sequestro preventivo del conto corrente bancario intestato all'anziano e di tutti i terreni e casali oggetto dell'indagine. Inoltre, nel corso degli accertamenti i carabinieri hanno rilevato che il 70enne, pressoché analfabeta, ha gravissimi problemi di salute, è affetto da una grave patologia che non gli permette di parlare, se non per pronunciare qualche parola, è costretto ad esprimersi per mezzo di bigliettini scritti a mano, oltre ad avere altri problemi neurologici. Così, approfittando delle sue difficili condizioni, i ''tre ''amici'' lo avevano spogliato del suo patrimonio.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Su segnalazione della polizia canadese la polizia postale di Firenze e Livorno ha indagato, perquisito e arrestato un uomo di 42 anni di Livorno
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Cronaca