Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:56 METEO:FIRENZE9°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 29 gennaio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Il ministro Guido Crosetto canta Bella Ciao alla serata con Fiorello per il Bambino Gesù

Cronaca venerdì 26 agosto 2022 ore 14:11

Foto spinte, poi l'incubo online per gli adolescenti

ragazza al computer
Foto d'archivio

Sono sempre di più i ragazzi e le ragazze intrappolati in fenomeni di sextortion. Nel 2021 in Toscana 50 casi. Due vittime avevano meno di 14 anni



TOSCANA — Si chiama sextortion e ad esserne vittime nel 2021 in Toscana sono stati 50 adolescenti, 5 dei quali minorenni e 2 addirittura più piccoli di 14 anni. E nel 2022 il fenomeno si conferma stabile. A lanciare l'allarme è la polizia postale di Firenze che negli ultimi mesi ha registrato un aumento definito vertiginoso dei casi di sextortion in danno di ragazzini attraverso i social network. 

"Tutto inizia con qualche chat con profili social di ragazze e ragazzi gentili e avvenenti, apprezzamenti e like per le foto pubblicate. Si passa poi - spiega la polizia postale - alle videochat". Le richieste si fanno man mano più spinte, poi inizia il martellamento online con richieste di denaro dietro minaccia i diffondere, in caso di mancato pagamento, tutto il materiale sessuale a ogni contatto e ai familiari. Un ricatto, insomma, con estorsione a sfondo sessuale. Sextortion, appunto.

"Le vittime, intrappolate tra la vergogna e la paura che le immagini intime possano essere viste dai loro contatti, tendono a tenere tutto per sé, a non confidarsi con nessuno, tantomeno con i genitori", prosegue la PolPosta che perciò ritiene il fenomeno sottostimato.

“Si tratta di un fenomeno insidioso, che spesso espone i ragazzi a gravi conseguenze di carattere psicologico anche nel lungo periodo", sottolinea il dirigente del compartimento polizia postale e delle comunicazioni per la Toscana Lorena La Spina.

I suggerimenti della polizia postale: per i ragazzi

La polizia di Stato mette a disposizione l’applicazione You-Pol, che può essere scaricata facilmente anche sui cellulari e che consente di comunicare in tempo reale, anche per trasmettere richieste di aiuto e segnalazioni che possono, a discrezione dell’interessato, essere mantenute anonime. Nello specifico, poi, ecco qui alcuni consigli.

  • Mai cedere al ricatto pagando le somme richieste. Non smetteranno di chiedere denaro se si paga, ma anzi capiranno che c'è disponibilità economica e si faranno più insistenti.
  • Non bisogna vergognarsi per aver condiviso immagini intime con sconosciuti. A quella età si è curiosi e inesperti e spesso le persone che fanno queste cose sono criminali organizzati che conoscono le fragilità dei ragazzi.
  • Non cancellare i messaggi scambiati con gli estorsori, non chiudere i profili social su cui ai viene contattati, ma fare gli screen shot delle conversazioni e delle minacce e del profilo dell’estorsore.
  • Fare una segnalazione sul portale www.commissariatodips.it per chiedere aiuto, da soli è più difficile risolvere questo tipo di problemi.
  • Parlarne con i genitori o con un adulto di fiducia, che sapranno come essere di aiuto per gestire la situazione.
  • Chi ha più di 14 anni può sporgere una denuncia, anche in modo autonomo, in qualsiasi ufficio di polizia.

I suggerimenti della polizia postale: per i genitori

La sextortion è un fenomeno che sta interessando un numero esponenziale di ragazzi e ragazze in rete. Si tratta di adulti e/o organizzazioni criminali che avvicinano online gli adolescenti, li spingono in conversazioni virtuali di tipo sessuale, acquisiscono immagini e video intimi e poi richiedono somme di denaro per evitare la pubblicazione online del materiale privato. Se ai figli capita qualcosa di simile:

  • Non giudicarli ma valutare che la vergogna e il senso di panico che possono provare li mettono a rischio di compiere atti impulsivi.
  • Ascoltare quanto i figli raccontano, acquisire con calma tutte le informazioni e rassicurarli che non sono i soli ad essere incappati in questo tipo di situazioni.
  • Procurarsi gli screen shot delle conversazioni con gli estorsori e recarsi quanto prima in un ufficio di polizia per sporgere una denuncia: la tempestività in questi casi è fondamentale per risolvere al meglio le indagini.
  • Non cancellare immagini, video e non chiudere i profili social prima di aver fornito queste informazioni alla polizia.
  • Fare una segnalazione su www.commissariatodips.it e chiedere informazioni e supporto, se occorre.

Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nel capannone c'era marijuana per un profitto di un milione l'anno e 88 lampade alimentate con allaccio abusivo. La droga destinata al nord Europa
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Attualità