Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:25 METEO:FIRENZE10°17°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 13 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Lite Conte-Lautaro, il finto match di boxe ad Appiano

Politica venerdì 21 novembre 2014 ore 12:06

Toscanellum, una norma "salva" i partitini

Elezioni regionali, primo sì alla raccolta firme 'agevolata' per i consiglieri del gruppo misto attivi da almeno 6 mesi prima dei comizi elettorali



FIRENZE — I singoli componenti del gruppo misto in Consiglio regionale sono equiparati, per quanto riguarda il regime della raccolta delle firme per presentare liste circoscrizionali alle elezioni regionali, ai gruppi “costituiti almeno sei mesi precedenti la data di convocazione dei comizi elettorali”. 

E' quanto dispone una proposta di legge votata a maggioranza in commissione Affari istituzionali che ha come oggetto “l’interpretazione autentica” dell'articolo 3 della legge elettorale approvata a settembre dall’assemblea toscana, il cosiddetto Toscanellum.

Nel dettaglio, dunque, a Mauro Romanelli (Sel), Gabriele Chiurli (Democrazia Diretta) e Pieraldo Ciucchi (ex Pd-Riformisti per la Toscana) basteranno 10 firme per poter presentare una lista nelle singoli circoscrizioni elettorali (quindi 130 per essere presenti in tutto il territorio regionale). Fuori da questo meccanismo rimarrebbe così il solo Centro Democratico (Maria Luisa Chincarini), visto che il suo gruppo si è dissolto ad inizio ottobre, in seguito al trasloco di Rudi Russo al Partito Democratico, e la militanza nel Misto non raggiungerebbe, sulla carta, il semestre antecedente la convocazione dei comizi.

Come spiegato dal presidente della commissione, Marco Manneschi (Toscana civica riformista), si tratta di intepretare la volontà autentica del legislatore regionale per “evitare conflitti intepretativi”, data la peculiarità del gruppo misto che per sua stessa natura non è “riconducibile a una caratterizzazione politica omogenea”. Così, le condizioni per la presentazione delle liste circoscrizionali sono attribuite ai singoli consiglieri nella loro individualità politica (analogamente a quanto già avviene per l’attribuzione di finanziamento e la rendicontazione).

La legge intepretativa specifica anche che l’essere costituiti “almeno sei mesi prima dalla data di convocazione dei comizi elettorali”, deve intendersi riferito a “gruppi esistenti da almeno sei mesi e tuttora in essere” a quella data.

La legge è stata presentata e sottoscritta dallo stesso Manneschi insieme a Ivan Ferrucci, capogruppo Pd mentre Alberto Magnolfi (Ncd) non ha parteciopato al voto e Alessandro Antichi (Forza Italia) ha espresso parere contrario.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La Regione ha predisposto un calendario che prevede, dal 12 al 15 Maggio, l'apertura graduale delle agende. Ma scarseggiano i posti per i sessantenni
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Franco Bonciani

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Sport