Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:35 METEO:FIRENZE9°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 30 gennaio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
I consigli estetici di De Luca a Bonaccini: «Lo voto, ma spunti quella barba e si tolga gli occhiali a goccia»

Attualità domenica 15 febbraio 2015 ore 12:29

Superticket da 150 euro contro la movida alcolica

Fratelli d'Italia: "Ospedali in difficoltà, serve un freno per tutelare salute e spesa pubblica: applichiamo in Toscana la soluzione veneta"



FIRENZE — Secondo il consigliere regionale Paolo Marcheschi di Fratelli d'Italia chi beve ubriacandosi lo fa in modo cosciente e non deve pesare sulla comunità perché "chi è costretto a ricorrere alle cure del pronto soccorso in stato di ubriachezza è giusto che paghi un superticket da 150 euro". E' questa la proposta che lancia il consigliere regionale Paolo Marcheschi per frenare il fenomeno dell'alcolismo fra giovani e adulti.

"Ormai nelle notti dei week end i Pronti Soccorsi sono intasati di ubriachi e drogati e ancora peggio di feriti da intemperanze o dalla guida di questi incoscienti - sottolinea Marcheschi - per questo pensiamo che sia utile mettere un freno deciso a questa situazione. La movida alcolica sta creando numerosi problemi agli ospedali in termini di personale e costi per la collettività, con le strutture che spesso non sono pronte a rispondere all'emergenza. Chi decide di bere per ubriacarsi deve sapere a cosa va incontro. E' giusto che ci pensi prima di farlo".

"Questa nostra idea - aggiunge il consigliere di Fratelli d'Italia - va di pari passo con la richiesta avanzata da tempo dall'associazione Lorenzo Guarnieri di istituire il reato di omicidio stradale. Una proposta che abbiamo appoggiato da subito ma alla quale il governo, nonostante le solite promesse di Renzi, naturalmente non ha mantenuto. Non possiamo più assistere a weekend che sempre più si trasformano in mattanze di persone travolte da persone che si ubriacano e si mettono alla guida. I sanitari e gli stessi volontari delle associazioni trascorrono intere nottate impegnati su questi interventi. La Regione Toscana, per quelle che sono le sue competenze, deve intervenire subito a tutela della salute dei suoi cittadini, oltre che per frenare la spesa pubblica derivata dalla movida alcolica".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno