Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:30 METEO:FIRENZE7°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
venerdì 27 gennaio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Seregno, il 14enne spinto contro il treno in arrivo: le immagini dell'aggressione

Attualità venerdì 15 aprile 2016 ore 16:41

Botte in rsa, il Comune verso la parte civile

Ufficio legale al lavoro in attesa della prima udienza del processo per i maltrattamenti agli anziani ospiti della struttura pratese di Narnali



PRATO — Sono gli stessi familiari a chiedere che la città sia unita nel processo che sta per partire. La prima udienza è fissata per giovedì. La vicenda è quella delle 13 persone indagate e mandate a processo dopo la scoperta dei maltrattamenti ai danni di alcuni anziani nella clinica di Narnali a Prato. 

"Quanto è accaduto nella rsa è stato doloroso e sconvolgente non solo per gli ospiti e per le loro famiglie, ma per tutta la comunità - ha sottolineato il sindaco Matteo Biffoni - Da parte del Comune c'è una volontà di vicinanza totale e assoluta ai familiari per i quali queste violenze sono non solo motivo di dolore, ma anche una rottura del rapporto di fiducia verso i servizi della comunità. Quando si affidano soggetti deboli, anziani, malati o bambini, alle cure di chi dovrebbe aiutarli lo si fa con fiducia. Quanto è accaduto mina questo rapporto e mina un pezzo fondamentale del nostro essere comunità".

"L'ufficio legale - ha aggiunto il sindaco - sta analizzando i documenti per capire se ne sussistono le condizioni perché sono scelte che vanno fatte dotto un profilo tecnico. A noi non interessa mettere alcuna bandierina, ci costituiremo parte civile solo se possibile. In ogni caso noi siamo e resteremo al fianco degli ospiti della rsa e delle famiglie durante tutto il percorso".

I familiari, assistiti dall'avvocato Rocca, hanno fatto appello a un sostegno da parte di tutta la città: "Per noi sarà difficile anche affrontare il processo, sarà doloroso - hanno spiegato -. Per questo è importante sentire che il Comune di Prato e tutta la comunità ci sostengono e ci sono vicini. Chiediamo che venga fatta giustizia, che si faccia chiarezza su tutti gli episodi. Ringraziamo il sindaco per questa vicinanza, non vogliamo sentirci soli".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La cometa verde non si avvicinava alla Terra da 52.000 anni e ora eccola. Quando scrutarla con gli occhi al cielo, ma 'transiterà' anche sul web
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Monitor Consiglio

Attualità