Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 08:31 METEO:FIRENZE11°21°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 17 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tensione al corteo no Green pass di Milano, la protesta non si ferma e partono le cariche della polizia

Lavoro martedì 28 settembre 2021 ore 15:05

La famiglia che alleva un milione di chiocciole

Antonia Arcenni

Succede in Alta Valdera, nei due ettari e mezzo di terreni della famiglia Arcenni. Le chiocciole sono uno tra i settori agricoli in crescita



CAPANNOLI — In Alta Valdera c'è una delle più grandi aziende toscane di allevamento chiocciole. Si tratta della Arcenni Tuscany di Capannoli. L’azienda è reduce dal G20 di Piazza Santa Croce: una vetrina che gli ha permesso di farsi conoscere da un pubblico sempre più vasto. 

Al timone ci sono mamma Mariliana e la figlia Antonia. Oltre un milione le chiocciole allevate nei 2,5 ettari all’aperto a Capannoli. L’allevamento della famiglia Arcenni è tra i più grandi in Toscana per estensione e segue il metodo Cherasco. 

“E’ sempre stato il sogno di mio padre e della mia famiglia. Un sogno nato 40 anni fa e che abbiamo concretizzato nel 2016. - racconta Antonia - Il nostro obiettivo è allevare una chiocciola totalmente naturale e realizzare prodotti per la cucina di qualità legati alla tradizione toscana come sughi, patè ed altre specialità che offrono al settore della ristorazione e della gastronomia un’alternativa nutriente, completa e salutare. In molti periodi è stato un cibo salva vita. Le nostre chiocciole - racconta ancora - sono alimentare con carote, radicchio, cavoli, e girasole auto-prodotte dalla nostra azienda”.

Mariliana ed Antonia si sono inventate anche un simpatico tour nell’allevamento, alla scoperta del mondo delle chiocciole, che si conclude con una degustazione di prodotti a tema e molti prodotti già pronti da portare in tavola come il sugò di chiocciola, la zuppa alla toscana o le chiocciole ai porri in bianco. "Per molti anni è stata un cibo snobbato - conclude Antonia - ma recentemente, anche grazie alla ristorazione, sta tornando sulle tavole delle famiglie”.

"L’elicicoltura è tra i settori agricoli in crescita in Toscana", spiega Coldiretti. "Ettari in forte espansione così come le aziende e le tante innovative ed originali esperienze che spaziano dall’utilizzo gastronomico al prodotto trasformato, dalla cosmetica ai dispositivi medici di base a bava di lumaca. Dal 2016 gli allevamenti aperti in regione sono 82, uno su dieci di quelli attivati a livello nazionale, mentre gli ettari destinati sono poco meno di 40 con una media di meno di un ettaro per azienda. In Italia gli allevamenti sono 1.020 di cui 715 che seguono il Disciplinare "Chiocciola Metodo Cherasco” per un volume di affari da 350 milioni di euro e quasi 10 mila addetti nell’indotto.

“L’elicicoltura - spiega Fabrizio Filippi, Presidente Coldiretti Toscana, nonché Presidente Coldiretti Pisa - si sta rivelando un settore interessante per diversificare l’attività agricola con molteplici sbocchi ed applicazioni nel campo food, cosmetico e medico. Le aziende elicicole sono in aumento così come le superfici dedicate che risultano attualmente insufficienti per coprire un fabbisogno sempre maggiore. E’ un settore su sui hanno creduto ed investito molti giovani che hanno sicuramente contributo al suo sviluppo e diffusione anche nella nostra regione con una dimensione imprenditoriale green, sostenibile, etica, al passo dei tempi e del mercato con prodotti innovativi e progetti di business di successo. C’è ancora spazio su cui vuole scommettere sull’elicicoltura”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un'altra morte sul lavoro in Toscana, la 28ma del 2021. Si tratta di un operaio di una ditta di materiali edili. Rimasta ferita anche un'altra persona
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Don Andrea Pio Cristiani

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

CORONAVIRUS