Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:25 METEO:FIRENZE19°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
sabato 16 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Canarie: terremoto di magnitudo 4,5 provoca nuovo fiume di lava, altri 300 evacuati

Attualità martedì 21 settembre 2021 ore 13:30

Studia a Pontedera ma è bloccato in Costa d'Avorio

Una città della Costa d'Avorio (foto da Wikipedia)
Una città della Costa d'Avorio (foto da Wikipedia)

Un giovane di 18 anni, originario del Mali, è tornato dalla famiglia dopo 4 anni ma adesso è bloccato perché le ambasciate maliane sono chiuse



PONTEDERA — Ha compiuto 18 anni nel 2021 e da 4 anni abita a Pontedera in una famiglia che l'ha preso in affidamento, ma la sua famiglia è originaria del Mali anche se adesso risiede in Costa d'Avorio.

Questo giovane studente frequenta con profitto l'Ipsia di Pontedera (non facciamo il nome per una questione di sicurezza del ragazzo, ndr) ed è bloccato in Costa d'Avorio dove è andato a Giugno, al termine dell'anno scolastico e dove è bloccato dal 15 Agosto, data in cui doveva tornare in Italia. Questo perché in Mali, sua terra di origine e Stato del quale ha il passaporto, c'è stato un colpo di stato e tutti gli uffici statali, ambasciate comprese, non funzionano e sono irraggiungibili.

Un viaggio desiderato da 4 anni, per rivedere la propria famiglia, appoggiato e sostenuto economicamente anche dalla famiglia affidataria pontederese.

Una situazione delicata che è stata raccontata dal dirigente scolastico dell'Ipsia Renato Lemmi, che del ragazzo è anche professore di elettronica: "I primi 2-3 giorni di scuola non l'abbiamo visto e ci siamo preoccupati, anche perché sapevamo che sarebbe tornato in Africa dalla famiglia, ce ne aveva parlato in classe. Abbiamo contattato la famiglia affidataria che ci ha spiegato la situazione".

Il ragazzo è molto integrato a Pontedera e gioca anche in una società di calcio cittadina: "Per adesso - ha aggiunto Lemmi - riesce a seguire le lezioni con la didattica a distanza ma in Costa d'Avorio deve comprare ricariche telefoniche di continuo, con una ricarica da 0,5 giga riesce a seguire appena due lezioni. Però è importante che segua i professori, frequenta la quinta".

Ma come fare per farlo tornare in Italia? "Lui - ha spiegato ancora Lemmi - ha un permesso di soggiorno valido fino al 2023 ma con le ambasciate maliane chiuse non può avere i documenti necessari per tornare. Si trova a circa 300 chilometri dalla capitale della Costa d'Avorio Yamoussoukro e gli abbiamo sconsigliato di raggiungerla da solo per andare all'ambasciata italiana".

"Ci stiamo muovendo noi - ha detto Lemmi - tramite il Comune abbiamo contattato la Farnesina e speriamo di sbloccare la situazione grazie allo Stato italiano che potrebbe rilasciare un documento che permetterebbe al ragazzo di tornare a Pontedera".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il terribile incidente è avvenuto tra un'auto e una bicicletta. I medici hanno tentato di rianimare la donna ma per lei non c'è stato niente da fare
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS