Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 16°26° 
Domani 17°26° 
Un anno fa? Clicca qui
domenica 16 giugno 2019

Cronaca lunedì 09 maggio 2016 ore 15:09

Una cabina di regia per i titoli-spazzatura

La Finanza ha sequestrato vari documenti riguardanti il ruolo strategico dei manager di Banca Etruria nel collocamento delle obbligazioni subordinate



AREZZO — C'era una cabina di regia a livello manageriale che impartiva istruzioni precise per collocare fra i risparmiatori della vecchia Banca Etruria (ora in liquidazione coatta amministrativa) le obbligazioni subordinate, anche quando si trattava di clienti con un profilo da investitore a basso rischio. 

Per trovare nuove prove a supporto di questo filone di inchiesta - il reato ipotizzato è truffa aggravata - la procura aretina ha disposto una nuova serie di perquisizioni. Sono stati così sequestrato dalla Guardia di Finanza vari documenti riguardanti proprio il collocamento delle obbligazioni il cui valore è poi stato azzerato dal decreto salva-banche del governo Renzi.

Nel mirino delle Fiamme gialle ci sono i responsabili di area di Banca Etruria che, secondo la ricostruzione degli inquirenti,  attraverso apposite circolari interne avrebbero ordinato ai loro dipendenti di proporre e caldeggiare la sottoscrizione delle obbligazioni anche ai clienti che non avevano l'esperienza e le caratteristiche per acquistarle con cognizione di causa, ovvero con la piena consapevolezza dei rischi che si stavano assumendo.

In una nota, la procura ha spiegato che l'esistenza di una cabina di regia manageriale è emersa con "ragionevole certezza" dalle 400 de nunce sottoscritte dai risparmiatori truffati. Gli investimenti nelle obbligazioni subordinate sarebbero stati proposti ai clienti descrivendoli come sicuri e analoghi, in termini di rischio, a quelli in obbligazioni ordinarie e nei titoli di Stato.

"Talvolta i clienti sono stati spinti a effettuare il disinvestimento di operazioni a capitale garantito per favorire l'acquisto di obbligazioni subordinate - ha sottolineato la procura - Acquisto che gli era stato proposto come una promozione della banca rivolta ai clienti migliori e da sottoscrivere in tempi brevissimi".



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Attualità