Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 20°33° 
Domani 21°32° 
Un anno fa? Clicca qui
martedì 25 giugno 2019

Attualità giovedì 12 novembre 2015 ore 07:00

Peretola, Fattori pensa a un esposto in procura

Il gruppo Si Toscana a sinistra ha annunciato anche un'interrogazione in Consiglio dopo il parere negativo dei tecnici della Regione sul masterplan



FIRENZE — "Tuteleremo la salute pubblica e l’ambiente ad ogni costo". Con queste parole il capogruppo di Si Toscana a sinistra in Consiglio regionale, Tommaso Fattori, ha commentato la notizia della bocciatura da parte del nucleo di valutazione di impatto ambientale della Regione del masterplan per l'ampliamento dell'aeroporto di Peretola. 

Bocciatura datata 6 novembre e determinata, secondo i tecnici della regione, dalla scarsezza di informazioni contenute nel masterplan redatto da Toscana Aeroporti e approvato da Enac.

“I tecnici anche in questo caso, così come già nel parere espresso nel giugno scorso - hanno scritto Tommaso Fattori e Paolo Sarti in una nota -, hanno constatato che non c’è un livello di definizione sufficiente per poter esprimere un parere positivo. In questa situazione gli uffici non se la sono neppure sentita di dare prescrizioni, dato che le prescrizioni sarebbero equivalse a dare un parere positivo”.*

“In sostanza - proseguono i consiglieri  - gli uffici ci dicono che tali e tante sono le criticità, le incoerenze urbanistiche e le incompatibilità (dettagliatamente espresse nel quadro sinottico) che non è possibile dare la luce verde al progetto di nuova pista”. “ENAC e Toscana Aeroporti Spa non hanno minimanente tenuto conto dei rilievi e delle richieste di “integrazioni” degli uffici regionali e hanno presentato la nuova versione del progetto come se nulla fosse stato detto, scritto e richiesto: come se i tecnici non avessero rilevato la scorsa estate un numero impressionante di criticità, a cui si sarebbe dovuto dare risposta e soluzione”.

“Il Nucleo rileva che per una serie di progetti la documentazione non è contestualizzata e ciò non consente di valutare interferenze, impatti e relative mitigazioni .- proseguo la nota -. Vi sono criticità su ogni aspetto: sui livelli di rumore attesi, sulla cantierizzazione, sulle emissioni d’inquinanti in atmosfera, vibrazioni e radiazioni elettromagnetiche e conseguenti rischi per la salute pubblica, sul Fosso Reale e in generale per il rischio idrogeologico, sulle terre di scavo, sulla viabilità, per il parco agricolo della Piana, per il sito Unesco “Ville e Giardini storici medicei“ e per il lago di Peretola”.

“Tutto ciò - proseguono - si aggiunge alla nuova documentazione dell’Università di Firenze, che il 3 novembre ha trasmesso una serie di contro osservazioni al Ministero dell’Ambiente rispetto al nuovo Master Plan dell’Aeroporto di Firenze, molto critiche e dense di preoccupazione, in un corposo e dettagliato lavoro di quasi 200 pagine”.

"Ho già chiesto alla commissione Ambiente del Consiglio regionale di poter udire il gruppo di lavoro dell’Università di Firenze, ma adesso chiederò di udire anche i tecnici del Nucleo - ha concluso Fattori -. Al contempo sto chiedendo la convocazione di un consiglio regionale straordinario, perchè su fatti di questa dimensione e gravità non basta una pur necessaria comunicazione immediata della Giunta, come le opposizioni congiuntamente chiederanno oggi, nè basteranno le doverose interrogazioni che sto preparando. Fatte tutte le verifiche del caso, mi riservo di presentare un esposto alla Procura della Repubblica, dato che potrebbero configurarsi seri elementi di reato”.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Cronaca