FIRENZE
Oggi 10° 
Domani 13° 
Un anno fa? Clicca qui
martedì 28 febbraio 2017

Attualità martedì 20 dicembre 2016 ore 17:00

La guida sugli investimenti per i risparmiatori

Federconsumatori contro il sistema banche ha fatto il punto sulle iniziative in difesa dei risparmiatori di Banca Etruria, Mps e CariPrato

FIRENZE — Banca Etruria, Banca Popolare di Vicenza (ex CariPrato), Monte dei Paschi di Siena: nella sede di Cgil Toscana, Federconsumatori ha fatto il punto della situazione. 

“La dimensione dei problemi relativi alla banche sta diventando l’epicentro della crisi socioeconomica del paese - ha spiegato il presidente di Federconsumatori Fulvio Farnesi insieme al vicepresidente Giuseppe Minigrilli e ai responsabili dell'associazione ad Arezzo e Prato Pietro Ferrari e Adriano Varocchi - Non possiamo permetterci altri casi Banca Etruria con i risvolti sociali e in alcuni casi tragici ai quali abbiamo assistito negli ultimi mesi. La tutela dei risparmiatori è per noi fondamentale e ci adopereremo perché questo avvenga attraverso tutte le forme possibili. Nel 2017 presenteremo una guida sugli investimenti, così da venire incontro ai risparmiatori e spiegare loro quali possono essere i rischi, per evitare il verificarsi di nuove situazioni drammatiche”.

Ecco una sitensi delle iniziative adottate da Federconsumatori.

BANCA ETRURIA

Sono ormai passati 13 mesi dal 22 novembre 2015, data nella quale furono azzerati gli obbligazionisti subordinati e tutti gli azionisti, compresi i piccoli, di Banca Etruria. Una tragedia per moltissime famiglie, che videro evaporare in una notte i loro risparmi. Oggi la situazione sta lentamente modificandosi, la possibilità di accedere per le vie brevi al rimborso dell’80% del Fondo di Solidarietà di quanto perduto in presenza di condizioni reddituali definite, rende, se pur parzialmente, giustizia alle persone. Ma è una giustizia tardiva ed incompleta. La posizione di Federconsumatori Toscana: “Noi ci siamo attivati per produrre istanze per far riavere quell’80%: ad oggi sono circa 2400 gli obbligazionisti toscani assistiti su un totale di 4mila coinvolti, in media arrivano a circa 19mila euro a istanza. Per quel 20% rimanente, noi siamo intenzionati a costituirci parte civile sugli amministratori rinviati a giudizio per bancarotta fraudolenta e chiameremo in causa, attraverso una azione di responsabilità, anche la società di revisione, la Price Waterhouse Coopers, perché se c’è stata mala gestione da parte di chi ha amministrato potrebbe esserci anche da parte di chi doveva controllare. Non escludiamo un’azione di responsabilità anche su Banca d’Italia e Consob”.

BANCA POPOLARE VICENZA (EX CARIPRATO)

Per i piccoli azionisti coinvolti nella vicenda di Banca popolare di Vicenza (ex CariPrato), molti dei quali divenuti tali per poter accedere a un mutuo, si prospettano soluzioni incerte ed in tempi lunghissimi. Le azioni sono passate da valere 64 euro a valere 6 centesimi, l’accesso al ristoro del Fondo Atlante arriva a coprire solo il 10% di quanto uno ha perso, una cifra troppo bassa. Per questo Federconsumatori Toscana (che segue circa 250 toscani, dei quali circa 200 i pratesi, diversi i pensionati che fidandosi della banca hanno investito i risparmi perdendo quasi tutto) intende procedere con delle cause pilota individuali per capire se è possibile aumentare il ristoro.

MPS

Il 15 dicembre 2016 è iniziato il processo sul caso Monte dei Paschi di Siena che vede imputate 16 persone per reati che vanno dall’aggiottaggio al falso in bilancio al falso in prospetto e ostacolo alla vigilanza. La Federconsumatori Toscana si è costituita parte civile nel processo attraverso lo studio milanese ed esprime soddisfazione per aver visto accolta tale costituzione insieme a quella dei tanti associati che si sono rivolti all'associazione per essere tutelati. “Seguiremo con la necessaria attenzione gli sviluppi del processo e ci auguriamo che insieme alla condanna si possa ottenere il ristoro dei danni subiti dagli azionisti che si sono costituiti insieme a noi. Su Mps non si può rischiare un altro caso Etruria, non possiamo permettercelo”.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Politica

Attualità