comscore
Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 24°31° 
Domani 21°30° 
Un anno fa? Clicca qui
Toscana Media News - Giornale Online
sabato 11 luglio 2020
corriere tv
Maltempo, paura in Alto Adige: frana a San Vigilio di Marebbe

Attualità lunedì 12 novembre 2018 ore 14:50

Un piano per le aree a bassa crescita in Toscana

Lo ha annunciato il presidente Enrico Rossi ai sindaci delle aree interne che comprendono 7 comuni su 10 sull'intero territorio regionale



FIRENZE — Entro il 2019 la Toscana dovrà avviare una strategia per le aree interne che coprono il 72 per cento del territorio e su cui vive il 30 per cento della popolazione, dal Casentino, alla montagna pistoiese, la Garfagnana, fino alla Lunigiana. Lo ha detto il presidente Enrico Rossi ai sindaci in un convegno a Firenze sul futuro delle politiche di coesione per le aree più fragili per l'accessibilità a servizi come sanità e istruzione e in cui il calo delle nascite è più marcato. Entro il 2023 i fondi messi a disposizione dall'Ue dovranno essere usati e rendicontati e dovranno essere preparati progetti specifici.

Il presidente Enrico Rossi ha spiegato che è intenzione della Regione "entro la fine dell'anno arrivare a definire una strategia regionale in grado di presentare progetti finanziabili per interventi in queste aree, progetti che riguardino la mobilità e i collegamenti, l'istruzione, i servizi sanitari, l'agricoltura, il turismo. L'Europa sceglie di concentrare i suoi interventi sulle grandi aree densamente popolate. Noi chiederemo che dedichi invece maggiore attenzione a queste aree meno popolate, ma ugualmente importanti, di cui non possiamo e non vogliamo fare a meno. Ho già posto questa esigenza a Bruxelles, dove ho incontrato disponibilità. Si tratta adesso di passare alla fase di progetto e di richiesta di una quota riservata dei fondi europei nel prossimo settennato".

L'area appenninica e quella che va dalla Val di Cecina all'Amiata sono, ha detto il presidente Rossi, quelle che più rientrano nei parametri delle aree interne. Investire in questo tipo di aree, spiegano i dati di Irept, porterebbe vantaggi a tutto il territorio regionale.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca