Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 17°33° 
Domani 19°31° 
Un anno fa? Clicca qui
lunedì 19 agosto 2019

Attualità venerdì 27 marzo 2015 ore 16:24

L'11% del Pil arriva dalla comunità cinese

Il dato è contenuto in rapporto dell'Irpet sulle relazioni transnazionali delle imprese di Prato e sul loro contributo all'economia della provincia



PRATO — L'analisi di Irpet è stata effettuata su 5.000 aziende cinesi del comprensorio di Prato e ci racconta che il contributo al Pil provinciale dato dalla comunità cinese ammonta a 705 milioni di euro, l'11% del totale, mentre gli investimenti valgono l'8%. I cinesi a Prato sono il 9% di tutta la popolazione, anche se i residenti effettivi potrebbero essere, stando alle stime, 40-45 mila contro i 17 mila iscritti all'anagrafe. Consumano per 172 milioni di euro, che è il 5% del totale.

"Le imprese cinesi possono essere un valore aggiunto per l'economia pratese e toscana. Per questo - ha sottolineato l'assessore regionale alle attività produttive Gianfranco Simoncini - è necessario proseguire sulla via dell'integrazione, sociale ed economica della comunità cinese, tenendo al tempo stesso ferma la barra sul rispetto delle regole e della legalità". 

La Regione Toscana ha intrapreso un percorso per affrontare il problema della sicurezza sul lavoro per il rispetto delle regole, con un progetto mirato partito lo scorso anno e che prevede, entro il 2016, il controllo di 7.700 aziende tra Prato, Firenze e Pistoia

Un progetto lanciato dopo il rogo della Teresa Moda, in cui il 1 dicembre 2013 persero la vita sette operai cinesi lavoravano, vivevano e dormivano nella fabbrica. Un progetto che ha portato ad assumere 74 ispettori delle Asl per tre anni e che prevede anche il "Patto lavoro sicuro" per la regolarizzazione ed emersione delle imprese non in regola, con il coinvolgimento delle associazioni di categoria e degli ordini professionali.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cultura

Cronaca

Attualità