Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865
FIRENZE
Oggi 18°31° 
Domani 17°31° 
Un anno fa? Clicca qui
domenica 25 giugno 2017

Lavoro mercoledì 11 gennaio 2017 ore 17:00

"La Regione obblighi i Comuni alla proroga"

Mozione dei consiglieri regionali Stella (FI) e Donzelli (FdI) per chiedere la proroga fino al 2018 delle concessioni ai commercianti ambulanti

FIRENZE — "La Regione Toscana obblighi al rispetto della legge i Comuni che hanno fatto bandi per il commercio su area pubblica. Questi Comuni devono rispettare il decreto legge n. 244 firmato dal Presidente della Repubblica in vigore dal 30 dicembre 2016, che prevede la proroga per le concessioni su area pubblica fino al 31 dicembre 2018". È quanto chiedono in una mozione presentata in Consiglio regionale il vicepresidente dell'assemblea Marco Stella (Forza Italia) e il capogruppo di Fratelli d’Italia Giovanni Donzelli.

"Abbiamo sempre sostenuto la necessità di prorogare le concessioni del commercio su area pubblica, ci era stato detto che in attesa di un provvedimento legislativo non era possibile fare niente - spiegano Stella e Donzelli - Ora che c'è il decreto si blocchino immediatamente i bandi, e i Comuni che in Toscana li hanno emanati li ritirino subito, non può esserci difformità di applicazione da Comune a Comune. Con la mozione presentata, chiediamo che la Regione Toscana, di concerto con Anci, intervenga per evitare abusi da parte di amministrazioni che non vogliono rispettare la legge".

Stella e Donzelli invitano le forze politiche a utilizzare "il tempo che il decreto legge concede con questa proroga, per elaborare un testo di legge che escluda dalla direttiva Bolkestein il commercio su area pubblica e gli stabilimenti balneari, vera risorsa economica per il nostro Paese".

La Toscana è la regione del centro-nord con la più elevata densità di esercizi ambulanti rispetto alla popolazione residente: un giro d’affari di oltre un miliardo di euro, 14.000 esercizi, 650 mercati, 1.720 fiere, con diverse migliaia di addetti. 

"Un mondo che crea ricchezza e occupazione ma che rischia di essere travolto dalla direttiva europea Bolkestein - sottolineano i due esponenti del centrodestra - Noi siamo categoricamente contrari a rimettere a bando tutte le concessioni, con la prospettiva che fondi di investimento e multinazionali arrivino a Firenze e in Toscana a fare shopping di banchi e chioschi".

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Cronaca