Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 17°19° 
Domani 14°24° 
Un anno fa? Clicca qui
martedì 17 settembre 2019

Attualità giovedì 13 novembre 2014 ore 18:43

A Prato il Pd si spacca sulla pista di Peretola

Il sindaco Biffoni sceglie di non firmare il ricorso al Tar contro l'allungamento della pista dello scalo fiorentino, ma cittadini e Pd lo contestano



PRATO — Dopo aver minacciato per giorni un ricorso al Tar contro la realizzazione della pista convergente e parallela di 2400 metri per il nuovo aeroporto di Firenze, come previsto dal masterplan presentato da Adf e approvato da Enac la scorsa settimana, il sindaco di Prato Matteo Biffoni ha deciso di fare un passo indietro e adottare la linea morbida. Per tutta risposta è stato investito da durissime critiche da parte dei cittadini di prato, da parte dell'opposizione in consiglio comunale e, soprattutto, dalla sua stessa maggioranza.

Il renzianissimo neo sindaco di Prato, infatti, ha diramato una nota insieme agli altri sindaci della piana fiorentina interessati dall'allungamento della pista (Sara Biagiotti, sindaco di Sesto Fiorentino Emiliano Fossi, sindaco di Campi Bisenzio, Alessio Biagioli, sindaco di Calenzano, Alberto Cristianini, sindaco di Signa) chiedendo alla Regione l'istituzione di un tavolo istituzionale per discutere degli effetti della nuovo aeroporto sull'ambiente circostante.
"Come più volte dichiarato allo stesso governatore Rossi, - hanno scritto i sindaci della Piana - noi chiediamo garanzie per la salute e il benessere dei nostri cittadini. Il no alla nuova pista di Peretola non è una presa di posizione immotivata o dettata da facili campanilismi, ma deriva dalla preoccupazione che nutriamo per l'impatto che un'opera così importante avrà su tutto il territorio della Piana per i prossimi decenni".
Una mezza soluzione che non ha però convinto un centinaio di cittadini di Prato, attivisti del Movimento a 5 Stelle, sostenitori dell'ex sindaco Roberto Cenni e componenti dei comitati ambientalisti di sinistra, che si sono scagliati contro Biffoni durante una pausa del consiglio comunale che deve votare gli ordini del giorno sull'opportunità o meno da parte del Comune di fare ricorso al Tar contro la nuova pista. "Passerai alla storia come il sindaco che ci ha venduti a Firenze - hanno urlato i pratesi contro Biffoni - Se sei contro la pista di Peretola devi firmare il ricorso".
Oltre ai cittadini, però la contestazione più dura a Biffoni è arrivata da Roberta Lombardi, consigliera comunale del Pd, che si è presentata in aula vestita tutta di nero, in segno di lutto. "Il sindaco non vuole presentare ricorso – ha detto Lombardi – perchè si fida di gente senza credibilità e coerenza come Rossi. E si accontenta della minestra fredda e insipida che gli serviranno ai presenti tavoli. Il no alla pista è una battaglia di civiltà, non possiamo appoggiarci solo sul ricorso ai comitati. Voterò l’ordine del giorno dell’opposizione e quello del Pd, in cui si chiede il ricorso. Se non lo facciamo saremo lo zerbino di Firenze”.



Tag

Il bambino caduto dal balcone a Lodi: ecco come Angel lo ha salvato | Video

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Cronaca