Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:35 METEO:FIRENZE20°33°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 14 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
M5s, Conte: «Cambierà il linguaggio, per me onorevoli non è una parola diffamatoria»

Attualità mercoledì 25 giugno 2014 ore 16:59

Il co-housing contro l'emergenza casa

Servizio di Tommaso Tafi

Mentre il progetto Abitare Solidale ha attivato 93 coabitazioni, coinvolgendo 193 persone, la vicepresidente Saccardi ha lanciato un'idea nuova



FIRENZE — "Un primo passo lo abbiamo fatto col bando che ha promosso nuove forme di costruzione, che ha messo sul piatto 13 milioni di euro - ha spiegato la vicepresidente della Regione, Stefania Saccardi - Ma stiamo pensando ad altro. Ad esempio perché non utilizzare il patrimonio invenduto privato e trasformarlo in alloggi popolari? Ovviamente a determinate condizioni e con procedure di evidenza pubblica. Non trovo assolutamente logico – ha proseguito la vicepresidente - costruire ancora e consumare suolo quando ci sono tantissimi alloggi invenduti. In tal modo daremmo una mano, da una parte, a tante cooperative e società che non riescono a vendere e, dall'altra, risponderemmo in modo innovativo e più tempestivo al disagio di tante persone".
Un'idea che Saccardi, titolare anche delle deleghe al sociale e alla casa, ha lanciato da Firenze, in occasione della presentazione dei risultati del progetto Abitare Solidale, realizzato dall'associazione di volontariato Auser, con la supervisione del Cesvot e che ha attivato 93 coabitazioni a Firenze. Dal centro alla periferia, il co-housing si è rivelato un metodo efficace seppur non sufficiente per andare incontro ai bisogni di alcune categorie in difficoltà, anche a colpa della crisi, in particolare gli anziani.

Il sistema è semplice: Auser mette in contatto, dopo averli esaminati singolarmente, una persona bisognosa di un avere un tetto sopra la testa e un privato con una stanza libera a casa. Se i due dimostrano di avere esigenze in comune e si rivelano affiatati, viene firmato un contratto che specifica le esigenze dell'uno e dell'altro e la coabitazione può avere inizio.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il recupero dell'uomo ferito è stato difficilissimo perché è caduto in una zona difficile da raggiungere e dove non c'era segnale telefonico
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

CORONAVIRUS

Attualità

Cronaca