Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:25 METEO:FIRENZE8°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
mercoledì 08 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Blanco distrugge i fiori di Sanremo e il pubblico fischia

Attualità martedì 27 ottobre 2015 ore 18:31

Peretola 2017, è una corsa contro il tempo

Il presidente di Enac Vito Riggio non ha dubbi: se arriverà il via libera dal ministero dell'Ambiente entro l'anno, l'aeroporto sarà pronto per il G7



FIRENZE — Testa bassa e lavorare. E' questo l'invito rivolto dal numero uno dell'Ente nazionale per l'aviazione civile, Vito Riggio a tutti i soggetti, pubblici e privati, interessati dai lavori per la costruzione del nuovo aeroporto di Firenze.

"Bisognerebbe che tutti si impegnassero come facciamo noi - ha detto Riggio -, come abbiamo già fatto, per stringere al massimo".

L'obiettivo è quello di rispettare i tempi, chiudendo i lavori entro il 2017, giusto in tempo per il G7 che nei piani di Matteo Renzi dovrebbe tenersi proprio a Firenze. Perchè questo scenario si realizzi però  tutti i tasselli devono andare al loro posto nei tempi previsti.

"Spero che entro fine anno il parere positivo sulla Valutazione d'impatto ambientale arrivi - ha detto Riggio - e a quel punto si passa subito alla conferenza dei servizi, dove tutti gli enti locali interessati hanno diritto e dovere di dire la loro: evidentemente con tempi accorciati il più possibile, senza comprimere il dibattito, ma sapendo che dopo bisogna andare all'opera. La valutazione ragionevole è che entro primavera possa essere esaurito il ciclo amministrativo, fra primavera e giugno: a quel tempo lì si fa la gara, che ha tempi europei perché servono 60 giorni per l'individuazione delle persone".

"Ragionevolmente - ha concluso Riggio - dico che entro la fine del 2016 noi potremmo avere l'opera iniziata, e finita nel 2017 come avevamo programmato".

Quello che interessa invece al presidente di Toscana Aeroporti, Marco Carrai, è la questione dei finanziamenti, pubblici in particolare. 

"In una lettera - ha ricordato Marco Carrai - avevamo avuto rassicurazioni dall'allora ministro Lupi: lo Stato avrebbe concorso fino a 150 milioni di euro. Noi auspichiamo che queste risorse arrivino".

Per il momento l'unica garanzia sono i 50 milioni di euro contenuti nello 'Sblocca Italia' ma Carrai vuole rassicurazione anche sul resto. "Noi auspichiamo che queste risorse arrivino - ha ribadito -, anche perché gli aeroporti di Firenze-Pisa sono stati inseriti tra gli scali strategici, quindi possono essere ammessi ai finanziamenti che speriamo arrivino presto".

Per quanto riguarda infine il rischio che la Regione e il suo presidente Enrico Rossi rimangano fermi sulle prescrizioni contenute nel Pit che parlano di una posta da 2.000 metri e non da 2.400 metri, il presidente Riggio ha chiosato: "Preferiremmo non litigare"


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'incidente è risultato fatale a un uomo di 39 anni. I soccorritori giunti sul posto non hanno potuto far altro che constatarne il decesso
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Attualità