Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:25 METEO:FIRENZE9°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 07 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Sanremo, per il debutto di Chiara Ferragni, Morandi canta l'inno di Mameli. Le anticipazioni della prima serata

Attualità sabato 30 maggio 2020 ore 19:10

Allergia o Covid? Attenzione, hanno sintomi simili

L'Istituto Superiore di Sanità ha pubblicato il focus "Allergie o Covid-19?" e spiega che se i farmaci non hanno effetto bisogna contattare il medico



ROMA — Naso che cola, occhi arrossati, fiato corto, tosse. In questi periodi possono presentarsi o peggiorare alcuni sintomi tipici delle allergie respiratorie che potrebbero essere facilmente confusi, perché simili, a quelli del Sars-Cov-2. A dirlo l'Istituto Superiore di Sanità nel focus "Allergia o Covid-19?". l'Iss spiega che in questi casi non bisogna affidarsi al web ma bisogna sempre contattare il proprio medico

Nell'approfondimento l'Istituto Superiore di Sanità spiega che a dover far sorgere dubbi che possa trattarsi di qualcosa di più grave sono tre le situazioni: se i sintomi insorgono in persone che non hanno mai sofferto di allergia, se si è un paziente allergico e la terapia abituale non fa passare il problema, oppure se ai sintomi come asma, congiuntivite o rinite, si aggiunge la febbre.

Gli esperti Iss ricordano per chi soffre di allergie pollini, l'uso delle mascherine va ancor più incentivato perché oltre a proteggere
dal coronavirus, può proteggere da allergeni che viaggiano nell'aria.

Contatta sempre il medico di medicina generale o il tuo medico specialista di fiducia:

  • Se non hai mai sofferto di allergie respiratorie, ma hai sintomi tipici (rinite, congiuntivite, oculorinite).
  • Se sei un paziente allergico e la terapia abituale non attenua i tuoi sintomi, oppure se ai tuoi sintomi si aggiunge la febbre.
  • Se hai sintomi dell'allergia o dell'asma bronchiale allergica
  • Se hai anche solo uno dei sintomi allergici e/o se hai la febbre.
  • Non ti affidare alla ricerca sul web per capire se tu e/o un tuo famigliare, anche un bambino, state soffrendo di disturbi legati ad una allergia o se avete sintomi che sono legati al COVID19.
  • Puoi consultare i siti delle società nazionali dei medici specialisti per le malattie allergiche e le associazioni dei pazienti in cui sono indicati anche i numeri verdi.
  • Per avere informazioni dirette ti ricordiamo che sono attivi anche i numeri utili 1500 del Ministero della Salute, il 112 o i numeri regionali

I consigli in caso di allergia:

  1. Se sei un soggetto allergico, l’uso delle mascherine oltre a proteggerti dal coronavirus, può proteggerti anche da alcuni allergeni quali ad esempio i pollini e se soffri di congiuntivite allergica, anche se i tuoi occhi non sono protetti, puoi continuare ad assumere i farmaci che ti sono stati prescritti per alleviare i fastidi.
  2. Ricordati di portare sempre con te un kit di automedicazione: (chiedi consiglio al tuo medico specialista di fiducia).
  3. Se stai effettuando un ciclo di immunoterapia specifica per le allergie, non interromperlo. Se però hai il sospetto di aver contratto il virus, se hai avuto contatti con persone positive al COVID 19, oppure se hai notato un peggioramento dei tuoi sintomi respiratori, contatta immediatamente il tuo medico specialista di fiducia.
  4. Se soffri di asma bronchiale causata da allergeni indoor, cerca di prestare maggiore attenzione in questo periodo alle indicazioni che hai ricevuto per la cura e la prevenzione dell’allergia agli acari, agli epiteli animali e alle muffe, in modo da tenere sotto controllo le manifestazioni acute ed evitare che l’asma possa peggiorare.
  5. In caso di allergia al lattice utilizza esclusivamente guanti in nitrile e fallo presente al personale sanitario qualora ce ne fosse la necessità.
  6. Se soffri di allergie alimentari e stai seguendo una dieta di esclusione di diversi alimenti continua a seguire le indicazioni del tuo medico curante. Una dieta di esclusione non comporta necessariamente un fattore di rischio aggiuntivo per i pazienti COVID, sempre che venga assicurato un buon equilibrio nutrizionale e calorico.

Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Originaria di Milano, in Toscana aveva svolto gran parte della sua carriera. Giallo sulla sua morte, gli investigatori non escludono alcuna ipotesi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Attualità