Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:06 METEO:FIRENZE14°20°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
venerdì 30 settembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Dnipro, morti due bambini nella casa distrutta dai missili: il cane resta di guardia tra le macerie

Attualità mercoledì 04 maggio 2016 ore 12:17

Banca Etruria, stop alle richieste di parte civile

Il gup del tribunale di Arezzo ha respinto le domande avanzate nell'udienza preliminare per il filone d'inchiesta sull'ostacolo alla vigilanza



AREZZO — Le richieste di costituzione di parte civile presentate erano state circa 200 e oltre che dai risparmiatori erano arrivate anche da alcune associaizioni. Alla fine è stata ammessa solo Banca d'Italia.

La decisione è stata presa dal Annamaria Loprete, gup del tribunale di Arezzo.

A favore della costituzione si era espresso anche il procuratore di Arezzo Roberto Rossi, titolare delle inchieste su Banca Etruria, mentre a esprimere parere contrario era stato il legale di Banca d'Italia Raffaele D'Ambrosio. 

La notizia è trapelata durante una pausa dall'udienza in corso ad Arezzo sul primo filone dell'inchiesta che vede imputati per ostacolo alla vigilanza l'ex presidente Giuseppe Fornasari, l'ex dg Luca Bronchi e il dirigente Davide Canestri. Fornasari e Canestri saranno processati con rito abbreviato l'8 giugno. Il processo si svolgerà a porte chiuse.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'allerta meteo è scattata nel tardo pomeriggio e andrà avanti fino alle 7 di domani, venerdì. Ecco quali sono le zone della regione più a rischio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità