Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:05 METEO:FIRENZE17°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
mercoledì 21 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, le notti violente all'Arco della Pace

Attualità venerdì 09 ottobre 2020 ore 19:55

Liliana Segre in Toscana per l'ultimo racconto

Liliana Segre

Ultima testimonianza pubblica della senatrice a vita sopravvissuta all'Olocausto alla Cittadella della Pace di Rondine. Presente il premier Conte



AREZZO — La senatrice a vita Liliana Segre è stata accolta con una standing ovation e un grande applauso alla Cittadella della Pace di Rondine per la sua ultima testimonianza pubblica rivolta alle scuole italiane e ai giovani del mondo: un passaggio di consegne ideale per la difesa della memoria ai giovani studenti italiani e del mondo. Un invito a proseguire nella diffusione del messaggio di pace che la senatrice a vita porta avanti in modo instancabile. 

Presenti le più alte cariche dello Stato dopo il presidente della Repubblica: la presidente del Senato Maria Elisabetta Casellati e il presidente della Camera Roberto Fico, oltre al presidente del Consiglio Giuseppe Conte, al presidente della Cei Gualtiero Bassetti insieme ai ministri Luigi Di Maio, Luciana Lamorgese e Lucia Azzolina.

In apertura di giornata, la senatrice a vita ha inaugurato l'Arena di Janine, intitolato alla giovane amica che lei mai riuscì a salutare prima che fosse condotta nelle camere a gas nel campo di Auschwitz.

Nel racconto di Liliana Segre, trasmesso in diretta Rai, l'orrore delle deportazioni, le colonne di fumo che salivano dalle camere a gas, i numeri tatuati sulle braccia e la dignità tolta alle persone che porta ad "astrarsi per poter continuare a vivere".

"Un giorno du settembre del 1938 sono diventata l'altra. So che quando le mie amiche parlano di me aggiungono sempre "la mia amica ebrea". E quel giorno, a 8 anni, non sono più potuta andare a sciola - ha detto Liliana Segre - Ero a tavola con mio papà e i nonni e mi dissero che ero stata espulsa. Chiesi perché, ricordo gli sguardi dei miei, mi risposero: perché siamo ebrei". 

Quindi il messaggio ai giovani: "Noi sognavamo di essere fuori da lì, sceglievamo la vita. Ci estraniavamo da quel luogo di morte. Scegliete la vita".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'artigiano era sottoposto a isolamento domiciliare. Era rimasto contagiato dal Covid durante una cena con alcune persone, organizzata a casa sua
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità