Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:03 METEO:FIRENZE19°30°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 21 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Italia-Galles, fischi per Donnarumma al momento della sostituzione

Attualità mercoledì 08 luglio 2020 ore 12:47

​Salvini, l'imprevisto e la wedding suite

Retroscena sulla tappa aretina del leader della Lega: dalle strategie elettorali alla notte con Francesca Verdini nel relais sul Lago Trasimeno



AREZZO — L'agenda di Matteo Salvini ha ritmi serrati. I tempi sono contingentati perchè in campagna elettorale il leader della Lega non si risparmia: selfie a ripetizione e bagni di folla raccontano del suo appeal tra la gente che, certo, sconta il penalty dell'opposizione al governo - della serie: non sono più le piazze salviniane di una volta - ma non ha perso il suo smalto. Capita però che un fuori-programma scombini i piani e crei un po' di scompiglio negli ambienti aretini del centrodestra.

Se al mattino le tappe in agenda erano: Massa, Montecatini, Firenze (incontro con i commercianti) e Arezzo; a sera è comparsa una tappa in più, non prevista dal programma ufficiale: Castiglion Fiorentino. In realtà, doppia tappa perchè Matteo Salvini e la compagna Francesca Verdini hanno deciso di pernottare a pochi chilometri dalla cittadina della Valdichiana.

Notte di stelle a Villa Baroncino, un magnifico relais di lusso con vista sul Lago Trasimeno. Wedding suite per la coppia e chissà che non sia di buon auspicio per un futuro matrimonio.

Ma chi è stato a scombinare i piani?

I soliti bene informati puntano l'indice sul sindaco di Castiglion Fiorentino Mario Agnelli che con Salvini vanta da tempo un feeling. Sarebbe stato proprio il leader della Lega, a voler aggiungere Castiglion Fiorentino nella tabella di marcia aretina, prima della cena elettorale con duecento persone organizzata a Pieve a Quarto, rigorosamente a metà strada tra Castiglioni e Arezzo. Alla fine, Agnelli ha potuto contare sulla visita privata del leader della Lega a Palazzo San Michele (con tanto si scambio di maglietta con l'effigie di “Super-Mario”) e nella “coda” serale della cena.

Perchè il fuori-programma castiglionese dal momento che non ci sono alle viste appuntamenti elettorali?

Bocche cucite, ovviamente, ma non è difficile ipotizzare che Salvini abbia chiesto ad Agnelli l'impegno per un ruolo di primo piano nella battaglia per la conquista della Toscana. Del resto, non è una novità che il suo nome, per qualche mese, sia stato nella rosa dei potenziali candidati alla presidenza della Regione.

Una cosa è certa: l'incontro tra i due e la colazione di stamani sulle rive del Lago insieme a un gruppo ristretto di amministratori umbri e politici leghisti, è servita a rinsaldare i rapporti.

Alla cena elettorale Salvini ha sottolineato l'importanza della sfida elettorale che ad Arezzo diventa doppia: Comune e Regione. Non sono mancate digressioni sulla vittoria del Milan che “parte indietro ma poi vince, un po' come noi”. 

Al tavolo con Salvini (Francesca Verdini al suo fianco) c'erano i sindaci del centrodestra arrivati da Grosseto, Antonfrancesco Vivarelli Colonna, e da Siena Luigi De Mossi, oltre ad Alessandro Ghinelli, Mario Agnelli, il sindaco di Montevarchi Silvia Chiassai Martini (presidente della Provincia), i colleghi di Cortona Luciano Meoni e di Castiglion Fibocchi Marco Ermini, la candidata governatore Susanna Ceccardi

Presenti i vertici della Lega con in testa la senatrice Tiziana Nisini, il coordinatore provinciale Nicola Mattoni (organizzatore del convivio), il presidente di Estra Francesco Macrì e il coordinatore provinciale di Fratelli d'Italia Francesco Lucacci, il consigliere regionale leghista Marco Casucci.

La delegazione di Forza Italia era guidata dal coordinatore provinciale Bernardo Mennini ma non è passata inosservata l'assenza dei due parlamentari azzurri, Stefano Mugnai che è pure coordinatore regionale del partito, e Maurizio D'Ettore, eletto ad Arezzo. Impegni romani improrogabili tra votazioni d'Aula e di Commissione parlamentare, si dirà, eppure Roma e Arezzo non sono così lontane. Tant'è.

Salvini è ripartito stamani per la Capitale ma tornerà in terra d'Arezzo. Quando la sfida si farà più dura e tutto si giocherà su un voto in più. 

Lucia Bigozzi
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sul portale regionale possono prendere l'appuntamento solo over60 e fragili. L'ira del governatore Giani, le rassicurazioni del commissario Figliuolo
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Libero Venturi

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Sport

Attualità