Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:35 METEO:FIRENZE10°15°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 04 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Com'è andare in bicicletta a Milano? Il nostro giro tra ciclabili, interruzioni, auto in sosta, pavé e cantieri

Attualità mercoledì 09 marzo 2022 ore 19:30

Contagi Covid di nuovo in aumento, in circolazione 3 varianti di Omicron

Sanitari con le protezioni Covid
Sanitari con le protezione Covid

L'indice Rt di diffusione del contagio è risalito vicino a quota 1. In Toscana 1.500 casi positivi in più in 7 giorni rispetto alla fine di Febbraio



ROMA — Nell'ultima serttima, in Italia come in Toscana, la curva dei contagi Covid è tornata a risalire e l'indice Rt di diffusione del contagio che, all'inizio di Febbraio a livello nazionale era sceso a 0,7, si sta di nuovo approssimando a quota 1, il livello di sicurezza.

In Toscana in particolare, dal 2 all'8 Marzo sono stati registrati 18.489 nuovi casi positivi contro i 16.909 dei 7 giorni precedenti, 1.500 in più. A livello italiano invece l'incremento medio è del 23%. Un segnale da non trascurare, alla luce della flessione vistosa delle vaccinazioni anti-Covid. Bisogna però sottoòlineare che la situazione negli ospedali, in Toscana come in Italia, resta ampiamente sotto controllo e non si stanno verificando improvvise impennate di ricoverati così come stanno diminuendo, seppure con lentezza, i decessi.

Attualmente, secondo una ricerca del centro Ceinge-Biotecnologie avanzate di Napoli, basata sulla banca dati della fondazione internazionale Gisaid, attualmente in Italia stanno circolando la variante Omicron e tre sue sottovarianti. La prima versione di Omicron sarebbe responsabile del 53% dei casi di infezione che sono stati sequenziati, la sua sottovariante BA11 del 36% e la variante BA2 del 5%. La terza variante ha per ora un'incidenza molto limitata. La versione primaria di Omicron sta quindi perdendo la sua carica diffusiva e al momento non risulta una maggiore pericolosità delle sottovarianti.

Alla luce dell'incremento dei casi si può quindi temere una nuova ondata di contagi? Su questo punto gli esperti concordano che è ancora troppo presto per fare previsioni.

"Si sta registrando un lieve aumento dei contagi, non solo in Italia ma anche in altri Paesi europei - ha commentato il sottosegretario alla salute Pierpaolo Sileri - Questo dato però non è significativo finchè non si vede un aumento dei ricoveri in ospedale che, per ora, non c'è: la maggior circolazione del virus non si sta traducendo in un aumento dei ricoveri e quindi la situazione è francamente sotto controllo".

Sileri ha spiegato che l'incremento è dovuto verosimilmente alla sottovarianti di Omicron e colpisce soprattutto i non vaccinati di tutte le età con una maggiore incidenza fra gli adolescenti.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno