Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 11° 
Domani 14° 
Un anno fa? Clicca qui
venerdì 28 febbraio 2020

Cronaca mercoledì 22 gennaio 2020 ore 19:00

Morta a 14 anni nel rogo, intrappolata in mansarda

L'incendio in cui è morta l'adolescente potrebbe esseere partito da un caminetto. L'inutile tentativo di salvarsi gettandosi sotto il letto



BORGO A MOZZANO — Avrebbe cercato di trovare rifugio sotto il letto Giulia Salotti, la ragazza di 14 anni morta nel rogo scoppiato all'interno dell'abitazione in cui stava dormendo insieme al padre.

Le forze dell'ordine e i pompieri stanno mettendo a fuoco la dinamica della tragedia, avvenuta la notte scorsa poco dopo le 2.

Stando ai rilievi condotti finora, le fiamme potrebbero essere divampate in un caminetto posto al piano terreno dell'edificio per la ripresa di un focolare acceso durante la serata e creduto spento.  Il padre della vittima, Massimiliano, 49 anni, architetto e insegnante nell'istituto comprensivo di Bagni di Lucca, dormiva in una stanza allo stesso livello. Svegliato dalle fiamme e dal calore, l'uomo avrebbe cercato di raggiungere la figlia che invece dormiva al primo piano, in una mansarda. Tutto inutile: una barriera di fumo e di fuoco gli ha sbarrato la strada, ustionandolo al volto e alle mani e distruggendo arredi e suppellettili.

La ragazzina è rimasta così intrappolata nella stanza al primo piano e avrebbe cercato inutilmente di trovare riparo sotto il letto. I vigili del fuoco, quando finalmente sono riusciti a raggiungerla, l'hanno trovata lì sotto, ormai senza vita. Sembra che Giulia sia riuscita a fare una telefonata agli zii, prima che la situazione precipitasse, per chiedere aiuto. La procura di Lucca ha disposto l'autopsia.

Sia il padre che la madre di Giulia sono stati ricoverati all'ospedale di Lucca, lui per le ustioni, lei per i traumi riportati in un incidente stradale avvenuto mentre si stava precipitando a Borgo a Mozzano dopo essere stata avvertita della tragedia.

L'abitazione devastata dal rogo è stata dichiarata inagibile e posta sotto sequestro.

Il sindaco di Borgo a Mozzano ha decretato il lutto cittadino per il giorno dei funerali della ragazza. Si è associato al lutto anche l'istituto scolastico in cui insegna Massimiliano Salotti.



Tag

Zaia: «Grazie all'igiene dei veneti solo 116 positivi, i cinesi? Li abbiamo visti tutti mangiare i topi vivi»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità