Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:37 METEO:FIRENZE8°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 07 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Turchia, il terremoto apre delle voragini in strada: auto inghiottite

Monitor Consiglio mercoledì 16 novembre 2022 ore 16:59 Spazio a cura dei gruppi politici del Consiglio regionale della Toscana

Scongiurare la dismissione della Centralina unica trasporto sanitario

Irene Galletti
Irene Galletti

“La maggioranza si impegna al salvataggio del servizio: ora sta alla Giunta mantenere la parola”



FIRENZE — E' stata approvata in Terza Commissione la mozione per scongiurare la dismissione della centralina unica di coordinamento dei servizi di assistenza delle associazioni di volontariato pisane. Ad annunciarlo in una nota stampa la Capogruppo del Movimento 5 Stelle in Regione Toscana, Irene Galletti.

“Dal mese di marzo 2018 - ricorda Galletti - nella provincia di Pisa il servizio di prenotazione del trasporto sanitario, gestito dalle associazioni di volontariato Croce Rossa Italiana, A.N.P.As. e Misericordie è stato centralizzato mediante un accordo siglato tra le tre associazioni, tramite il quale esse stabiliscono di costituire uno strumento per la centralizzazione e suddivisione delle richieste di servizi per il trasporto: un numero unico da chiamare per prenotare i servizi ordinari di trasporto con ambulanze e mezzo attrezzato.”

“Una buona soluzione - osserva la cinquestelle - che aveva consentito alle associazioni di ottimizzare la gestione dei servizi erogati e che aveva semplificato la vita ai cittadini pisani che, tramite chiamata al numero unico, ricevevano la soluzione migliore alla necessità del momento. Ma l’emergenza sanitaria, il caro bollette e l’inflazione crescente hanno messo in crisi queste associazioni, mettendone a rischio perfino la stessa sopravvivenza nonché la continuità dei servizi da esse erogati. Per questo, con una mozione specifica, avevamo da subito chiesto alla Regione di intervenire per salvaguardare questa positiva esperienza e sedersi ad un tavolo con queste associazioni per elaborare un modello simile che potesse essere applicato alle altre province per estendere gli stessi vantaggi al resto dei toscani, nei giorni in cui le stesse chiesero a tutte le forze politiche un incontro”.

“L’emendamento proposto dal capogruppo dem Vincenzo Ceccarelli passa la palla alla Giunta e alla sua capacità di reperire queste risorse. Una cifra irrisoria se consideriamo che il bilancio della Regione supera i tredici miliardi e che la variazione di bilancio che stiamo trattando nelle commissioni in questi giorni vede stanziamenti a otto cifre su vari capitoli di bilancio, compresi alcuni nei quali la Regione da anni versa denaro a non finire con risultati discutibili o impercettibili”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Originaria di Milano, in Toscana aveva svolto gran parte della sua carriera. Giallo sulla sua morte, gli investigatori non escludono alcuna ipotesi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Spettacoli