comscore
Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 9° 
Domani 17° 
Un anno fa? Clicca qui
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 29 marzo 2020
corriere tv
Coronavirus, Baldanti: «Pochi tamponi fatti? Le accuse sono un'offesa»

Attualità giovedì 30 gennaio 2020 ore 22:18

Niente coronavirus sulla nave, ok agli sbarchi

foto costacrociere.it

All'alba lasceranno la Costa Smeralda i passeggeri bloccati nel porto per un caso sospetto del virus cinese. L'Oms dichiara l'emergenza internazionale



CIVITAVECCHIA — Nelle prime di domani, venerdì 31 Gennaio, potranno sbarcare i 1.146 passeggeri bloccati da questa mattina sulla nave da crociera Costa Smeralda per un caso sospetto di coronavirus 2019-nCoV rivelatosi infondato. Gli accertamenti effettuati sulla signora residente a Hong Kong che è stata assalita da una forte febbre hanno confermato che la donna ha contratto una normale influenza e non il nuovo virus influenzale che ha contagiato migliaia di persone in Cina, uccidendone circa 200.

Anche il sindaco di Civitavecchia, Ernesto Tedesco, contrario a dare il via libera agli sbarchi fino a quando non fossero terminati tutti i controlli sanitari, ha ufficializzato il suo ok.

I seimila passeggeri a bordo della nave, fra cui alcuni toscani (vedi qui sotto gli articoli collegati) trascorreranno la notte nelle loro cabine, dopo una giornata di disagi, carenza di informazioni, timori per un possibile contagio, rabbia per l'impossibilità di tornare a casa e per i treni e gli aerei già prenotati e perduti. Alle 7.30 cominceranno gli sbarchi dei 1.146 che hanno concluso la loro vacanza e alle 18 il transatlantico lascerà Civitavecchia.

Nel frattempo l'Oms, l'Organizzazione mondiale della sanità, ha decretato l'emergenza internazionale alla luce dei primi otto casi di trasmissione del nuovo coronavirus al di fuori dei confini della Cina ovvero in Germania, in Giappone, in Vietnam e negli Stati Uniti. Per emergenza internazionale l'Oms intende un evento straordinario che rappresenta un rischio per la salute pubblica e che richiede una risposta internazione coordinata. L'Italia ha già attivato tutte le misure previste e necessarie. Il virus influenzale 2019-NcoV ha contagiato un maggior numero di persone rispetto all'epidemia Sars del 2003 ma secondo gli esperti è meno letale. Negli anni scorsi analoghe emergenze sono state dichiarate dall'Oms per virus come l'Ebola e lo Zika.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità