Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 17°30° 
Domani 17°27° 
Un anno fa? Clicca qui
giovedì 18 luglio 2019

Attualità domenica 06 agosto 2017 ore 11:00

Consip, relazione Anac, "maxi-appalto truccato"

L'Anac guidata da Raffaele Cantone ha chiuso l'inchiesta con il sospetto di un "accordo di cartello" tra le imprese per spartirsi i lotti



ROMA — Sono passati quattro mesi dall'avvio dell'istruttoria sul maxi-appalto Consip da 2,7 miliardi di euro per la gestione dei servizi nella pubblica amministrazione, e l'Autorità anticorruzione, guidata da Raffaele Cantone, ha chiuso l'inchiesta con il sospetto di un "accordo di cartello" tra le imprese Cns, Manutencoop e Romeo Gestioni che dovranno presentare delle "controdeduzioni" per cercare di evitare le sanzioni dell'Antitrust.

Il dossier di Anac è stato trasmesso alla Procura di Roma che è titolare dell'inchiesta su Consip e che dovrà valutare se per questo ''cartello'' ci sono conseguenze penali per i responsabili delle imprese coinvolte. 

Lo scrive il ''Corriere della Sera'' mettendo in evidenza che "le società evitavano le sovrapposizioni sui lotti e sulle Regioni nelle gare per la gestione degli edifici pubblici", e che le imprese finite nel mirino dell'Anac sono in passato già state accusate di aver fatto ''cartello'' per l'appalto "belle scuole" assegnato nel 2015 e bloccato per le intese illegittime. 

Nell'ambito dell'indagine su Consip, nel filone perla fuga di notizie, tra gli altri, sono indagati Tiziano Renzi, il ministro Luca Lotti e il comandante generale dei carabinieri Tullio Del Sette.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Attualità